lunedì 13 maggio 2013

Pallacanestro Roscilli Sora super: in gara 1 semifinale 81-51 al Civitavecchia [FOTOGALLERY]

Non è il titolo di un nuovo best seller in libreria, non è nemmeno una interpretazione della cabala né tanto meno una questione di riti scaramantici, è solo l’analisi curiosa di una bella ed avvincente partita: 81-51 il risultato finale con il primo ed il terzo tempo giocati a livelli altissimi. Bando alla singolare evidenza numerica, la partita giocatasi al Palabasket Aldo Di Poce, gara 1 valida per le semifinali playoff di serie C ha avuto una protagonista indiscussa. I commenti nell’arco del Campionato sono stati sempre improntati sul basso profilo e sulla prudenza, dettata soprattutto dal rispetto di qualsiasi avversario incontrato, ma è innegabile che sia in gara 1 con Frascati che in quella disputata domenica con Civitavecchia, la Pallacanestro Roscilli Sora ha messo in campo un basket bello, concreto e a tratti spettacolare.

Cornice di pubblico delle grandi occasioni, tribune gremite e posti in piedi tutti occupati, i tifosi hanno raccolto l’appello della società nel corso della settimana, una presenza considerevole che gli attori in campo hanno voluto ringraziare con una prestazione all’altezza. A tal proposito il GM Iannarilli, interpretando il pensiero di tutti i componenti della società, ha dichiarato che più partite si giocano dei playoff, più si intravede lo striscione dell’ultimo chilometro, in una sorta di volata ciclistica. A questo punto la simbiosi tra pubblico, giocatori, staff tecnico e staff dirigenziale è assolutamente indispensabile e funzionale al raggiungimento del traguardo. A fine partita, l’immagine che più esalta e soddisfa una società sportiva che crede nel futuro e nei giovani, l’invasione di campo festante dei bambini del minibasket tutti a centro campo ad abbracciare i loro beniamini ben felici di essere accerchiati.

La cronaca

Primo quarto: coach Polidori schiera il quintetto titolare, recuperato anche Laudoni, è il caso di dire scalpitante dopo la sosta forzata. Civitavecchia ribatte con i suoi uomini migliori, soprattutto le bocche da fuoco che nel corso della stagione regolare hanno occupato la piazza d’onore sui referti. Primo possesso e canestro per i biancorossi dopo un paio di tentativi andati a vuoto da ambo le parti. Non passa molto tempo per capire le intenzioni della squadra sorana, con Botticelli che stampa una stoppata vigorosa e che poco dopo, servito in maniera deliziosa da Boffelli va a canestro; Laudoni che battezza il suo rientro con un bel contropiede. Grande e compagni però non stanno a guardare, e il punteggio rimane in sostanziale equilibrio, sfruttando dapprima un 3/3 dalla lunetta e la successiva tripla di Patuzzi. Azione e reazione, Laudoni non ci pensa un attimo e segna dai 6,75 per poi schiacciare alla sua maniera; 13-10 e time out quando mancano 3’ (ancora un numero dispari, ndr) alla fine del primo periodo. Di nuovo in campo i bianconeri non cambiano registro, Fontana scippa un pallone e segna, Boffelli arresto, tiro e canestro, Fontana ancora da 3 e in questo soliloquio bianconero solo 2 punti per Civitavecchia. 22-12 il parziale.

Secondo quarto: dopo l’avvio con Grande a canestro, seguito da Jonikas freddo come sempre dalla lunetta, che muovono il punteggio ma non cambiano il +10 a favore dei bianconeri. Entrambe le formazioni mostrano qualche incertezza, con azioni imbastite ma non portate a termine, ma la prima delle due formazioni che riesce ad uscire dall’empasse è Civitavecchia che punto dopo punto accorcia la distanza. Coach Polidori chiama un vibrante time out che inizialmente non dà i frutti sperati, anzi Parroncini e Pasquali consecutivamente a segno riducono lo scarto a-1. Evidentemente alla squadra di Polidori servono gli stimoli giusti, la sensazione di pericolo che in questo caso muove le idee e aggiusta la mira verso il canestro. Una brillante reazione della Roscilli Sora, con protagonista finale Boffelli, con una tripla ed un bel canestro in estrema elevazione nonostante il tentativo di difesa del totem lidense Alfarano. Sora che si aggiudica di misura il parziale (17/15) e incrementa il vantaggio sul +12.

Dopo l’intervallo, nella terza frazione di gioco si assiste al capolavoro dei bianconeri: pressione in difesa, pressione in attacco, lucidità negli schemi e Fontana in grande spolvero: nell’ordine tripla, canestro da 2 e assist per Boffelli che ringrazia con un bel canestro. Anche Martini firma dall’arco dei 6,75, insomma sembra che i cecchini stasera hanno la casacca bianconera. Dopo 5 minuti di gioco ciò che risulta evidente è il break di 10-0 della compagine sorana e l’ottima condizione atletica che contraddistingue i bianconeri. Una costante questa verificata nel corso dell’anno, a testimonianza dell’efficacia delle sessioni di solo lavoro fisico condotte dal preparatore Fabrizio Macciocchi in condivisione con lo staff tecnico. Civitavecchia segna solo 6 punti in questa frazione di gioco ed il parziale segna 20-6 e +26 per Sora.

Nell’ultimo quarto non cambiano di molto le cose. Iannarilli, buona la sua difesa su Grande, suona la carica anche in attacco con una bomba dalla lunga distanza, lo segue Fontana ancora da 3 + il tiro aggiuntivo per il fallo subito e Botticelli che emula dalla distanza il suo compagno. Dal racconto della partita si potrebbe pensare solo ad un basket stellare improntato all’attacco, ma il grande merito dei protagonisti in campo è soprattutto quello di aver applicato una difesa asfissiante, che ha inibito le velleità soprattutto dei tiratori più accreditati. Il pressing operato dai bianconeri ha messo spesso in difficoltà l’impostazione degli schemi di gioco, costringendo gli avversari ad azioni al limite dei 24 secondi culminate con tiri sbilanciati e fuori ritmo. Degna di nota la percentuale elevata di palle rubate o recuperate. In 37 minuti di gioco Civitavecchia ha realizzato solo 41 punti e nei restanti 3 da giocare comprensibilmente Sora ha allentato le maglie consentendo a  Civitavecchia di realizzare in buona percentuale sfruttando soprattutto Alfarano sotto le plance.

Partita finita, 81-51 il finale e giusta soddisfazione da parte di tutti per l’epilogo di questo primo set. Ora Gara 2, subito Mercoledì 15 maggio alle 20.15 questa volta a Civitavecchia, dove il fattore campo incide moltissimo. Giocatori e staff tecnico in primis, ma anche tutto lo staff societario che segue costantemente la squadra non avrà il tempo materiale di far scemare l’adrenalina, dovendo subito affrontare il nuovo probante impegno in trasferta… Potrebbe anche essere un vantaggio per arrivare carichi e determinati.

Civitavecchia è una buona squadra dotata di giocatori validi ed esperti e coach Tedeschi non vorrà mancare l’occasione per rileggere la partita di andata e dimostrare la capacità di reazione dei suoi. La Pallacanestro Roscilli Sora si farà trovare pronta e come lo stesso coach Polidori ha commentato all’indomani della vittoria: “Siamo solo all’inizio, ma noi abbiamo ancora fame di vittorie. Siamo pronti, vogliamo essere pronti, dobbiamo essere pronti!”

Ufficio stampa-Pallacanestro Roscilli Sora

[nggallery id=956]

Commenti

wpDiscuz
Menu