13 marzo 2012 redazione@sora24.it
LETTO 452 VOLTE

Pallacanestro Roscilli Sora: tra alti e bassi una tre giorni piena di impegni

Week-end lungo e pieno di impegni per la Pallacanestro Roscilli Sora che ha affrontato diversi avversari in tutte le categorie, dalla Promozione agli Aquilotti. L’appuntamento più atteso era sicuramente il recupero di Campionato di Promozione, che vedeva impegnata la Roscilli Sora al Palapass in Roma, contro il S.Saturnino, incontro al vertice, tra le due formazioni leader di questo Girone E che avrebbe deciso “la capolista”. Già all’andata si era assistito ad una partita ricca di emozioni, molto fisica, con qualità e varietà di gioco, a testimonianza della valenza dei protagonisti in campo.

Il successo mancato di un soffio in Terra Volsca (86-80) ha maturato in S.Saturnino la convinzione di cancellare quel risultato, ribaltandolo per quanto possibile nella gara di ritorno da giocare in casa propria…e così è stato: 76-66 il finale, con la differenza canestri negli scontri diretti a favore dei romani, che salgono così in vetta alla classifica. Comprensibile la delusione in casa bianconera, visto il curriculum della Pallacanestro Roscilli Sora, ma onore al merito va reso a S.Saturnino che è arrivata “affamata” all’appuntamento e che ha saputo trasformare in ottime azioni di gioco questa fame agonistica, sebbene i primi due quarti si siano chiusi in perfetta parità.

Per il compendio della partita, assolutamente perfetto è il commento di coach Sebastiani,allenatore di S.Saturnino, che riportiamo fedelmente estratto da un forum di basket:
”Ringrazio chi ha speso parole positive per la mia squadra e allo stesso modo chi pensa che Sora sia migliore di noi, rispetto il parere di tutti, resta il fatto che ieri dal mio punto di vista è stata una partita vera, parlo di intensità e discreto livello di gioco, Sora è una signora squadra, ha perso il lungo Skara ma ha preso la guardia Velocci giovane e molto utile oltre al lungo Leita direttamente dalla B2, ha problemi con Johnson che a causa di problemi alla caviglia non gioca con continuità, ma ha anche in Iannarilli, Martini e Rea giocatori di altra categoria sia nel fisico che nella tecnica, noi ce la siamo cavata giocando sulle nostre caratteristiche e abbiamo portato a casa la vittoria anche se alla fine primi o secondi poco cambia!!! Attendiamo di capire come saranno le posizioni finali dei vari gironi…”

Un ringraziamento a Coach Sebastiani per aver fotografato in poche righe due squadre giustamente meritevoli di occupare la posizione di vertice. Come dicono quelli bravi, the show must go on e così, giusto il tempo di riprendere fiato e la Roscilli Sora è di nuovo scesa in campo sabato 10 marzo al Palagrande contro la squadra di Ferentino, per disputare la penultima gara del girone di ritorno. Il piazzamento in classifica tra le ultime del girone E della compagine Ferentinate, avrebbe potuto indurre la Roscilli Sora ad un approccio poco determinato, ma, con la fatica ancora da smaltire per l’importante match giocato solo 40 ore prima, il momentaneo sconforto e una “reputazione” da difendere i bianconeri sono scesi in campo ben decisi.

I ragazzi di coach Basile/incelli erano altresì consapevoli di trovarsi di fronte un avversario che grandi miglioramenti ha conseguito nell’ultimo periodo, oltre alla consapevolezza che solitamente chi gioca contro la prima in classifica prova a disputare “la partita della vita” mettendo in campo tutta l’energia e tutto l’agonismo a propria disposizione. Punto a punto il primo periodo, chiuso comunque con il vantaggio dei sorani, con buona circolazione di palla, difesa, recuperi, rimbalzi e tutto quanto previsto dal manuale del basket. Volata fino a +10 nel secondo quarto, vantaggio che consentirà alla Pallacanestro Roscilli Sora di amministrare e gestire il vantaggio fino alla fine dell’incontro. Complice forse la fatica di cui sopra ed un comprensibile calo tensivo, di lì in poi la partita è stata piuttosto noiosa e a tratti confusionaria, ma mai in discussione in termini di risultato a favore: 48-68.

La Pallacanestro Roscilli Sora non è solo Promozione, ci piace dunque dare il giusto risalto anche alle altre categorie.

Gli atleti della categoria Esordienti (2000/2001) dopo aver brillantemente sconfitto i cugini dell’Anagni, hanno disputato una bellissima partita contro i pari età del Basket Veroli, perdendo fuori casa di 1 solo punto, al termine di una gara che li ha visti recuperare lo svantaggio iniziale di 10 punti, giocando tenacemente fino alla fine. Come sempre accade con i bambini, il momentaneo malumore è stato ben presto rimpiazzato dai sorrisi per i complimenti ricevuti dalla loro istruttrice Grazia Giacchetti. Ottimo esordio anche per la categoria femminile (2001/2002), con le emozionatissime cestiste sorane che hanno sfidato le coetanee di ScuBa Frosinone, per la gioia e la soddisfazione dell’istruttrice Antonietta Sorrentino.
Possono essere soddisfatte ancora una volta le istruttrici Sorrentino/Giacchetti che in coppia seguono la categoria degli Aquilotti (2001/2002/2003): sul campo del Gioberti hanno battuto gli avversari di Colfelice, davanti ad un pubblico numeroso visibilmente soddisfatto della prestazione dei cestisti in erba. In ultimo, ci sia consentito di rivolgere con orgoglio un grosso in bocca al lupo ad un nostro atleta: Giuseppe Di Poce, sorano 100%, classe 1998, 188 cm (per ora!) cresciuto nel vivaio della Pallacanestro Sora e da quest’anno in prestito al Basket Veroli, è stato convocato nella Nazionale Under 14 – area centro – allenato da Andrea Capobianco, vice allenatore della Nazionale Italiana di Pallacanestro, braccio destro di Coach Pianegiani. VAI GIO’!

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu