1 novembre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 4.773 VOLTE

«Permettetemi di crederci». Chiarimenti di Tersigni sui Lavori sul Liri a Sora

Si è svolto ieri pomeriggio presso l’auditorium De Sica un incontro pubblico organizzato dal Pd di Sora per fare chiarezza sui lavori in corso nel tratto del Liri compreso tra il ponte lamellare Vittorio Cristini ed il ponte di Vaughan, zona Lungoliri Cavour. I tecnici presenti, gli ingegneri Sperudti, Urbani e Morrone hanno colto l’occasione per ribadire il proprio punto di vista tecnico sul basso livello di rischi in caso di calamità, come tra l’altro riportato da Federica Petricca su Il Quotidiano Ciociaria di oggi.

Quanto alla centrale idroelettrica di cui si parla insistentemente, il testo della Petricca parla chiaro: Tersigni ha dichiarato che «l’impianto non verrà realizzato vista l’inutile rendita». Il sindaco di Sora ha affermato, inoltre, di credere fortemente in questo progetto. Queste le sue parole: «[…]permettetemi di avere la speranza di creare un punto di attrazione che per il momento sarà limitato ai canoisti, ma che in seguito potrebbe evolversi[…]».

Infine una anticipazione importante per le persone più attente che osservano quotidianamente la giungla creatasi lungo le sponde del Liri: «Dal prossimo anno – afferma Tersigni su Il Quotidiano Ciociaria – l’Ardis dovrebbe cedere la gestione del tratto cittadino del Liri al Comune», che garantirà quindi la manutenzione ordinaria degli argini, sui quali non dovremmo finalmente più vedere scene deplorevoli come quelle attuali. In conclusione una nota sulla questione sicurezza: «Il sindaco di Sora ha assicurato che la paratia non ostruirà in alcun modo il normale deflusso delle acque in caso di piene o improvvisi acquazzoni». Lo sbarramento, si legge nella conclusione dell’articolo di Federica Petricca, sarà attivo solo nei mesi estivi e in un qualsiasi caso di emergenza, sarà possibile abbassare la barriera in 15 minuti.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu