4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 591 VOLTE

Piazza Mayer Ross premiata: Natalino Coletta si congratula con il Prof. Renato Morganti

Nei giorni scorsi con piacere abbiamo appresso che la riqualificazione di Piazza Mayer Ross è stata insignita di un importante riconoscimento in un concorso internazionale. Un’opera considerevole inserita nel piano di recupero del centro storico, frutto della “liberazione del sito” occupato dall’ex Cinema Teatro Capitol, che nell’arco di anni aveva avuto fasi di stallo a causa di divergenze politiche, ma che grazie all’impegno concreto della passata amministrazione è stata completata e inaugurata.

In buona sostanza l’intervento progettato da Renato Morganti, Professore Ordinario di Design e Tecnologia dell’Architettura presso l’Università degli Studi dell’Aquila, è stato premiato in occasione di un concorso internazionale bandito quest’anno dalla Cooperativa Produttori del marmo Botticino (BS) e, come spesso capita, chi “abita altrove” si è accorto del suo valore e ha voluto attribuire ad esso una Menzione speciale; unica opera premiata nella specifica  sezione di concorso messa a confronto con ben quaranta  realizzate in tutta Europa.

La motivazione ben sintetizza il valore dell’opera: “le ragioni di attribuzione della menzione risiedono nel ruolo che il progettista affida alla pietra nell’ambito di un intervento che legge e reinterpreta la struttura urbana di un piccolo centro storico, ridefinendone il limite e i rapporti  con una complessa orografia e tessendo in una nuova architettura il risarcimento di interventi impropri, la valorizzazione di elementi storici, la creazione di nuovi spazi e percorsi.”.

Certo è che da più parti è confermato che la città di Sora è conosciuta fuori provincia anche per questa architettura, frutto del costante impegno di quanti, quotidianamente e per lungo tempo, ci hanno lavorato con un impegno non solo tecnico ma anche politico. Al Prof. Renato Moranti vogliamo far giungere le nostre più sincere felicitazioni per questo più recente e importante riconoscimento.

Natalino Coletta

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu