4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 936 VOLTE

POESIE E DIALETTO SORANO (di Bruno La Pietra) – “Uttarèlla ‘e Natale” di Francescantonio Biancale

[double_paragraph][first]

Uttarèlla  ‘e  Natale

Tutta stretta comm’ a ‘nna mappatèlla
pe’ lla strina c’ arròscia chella pòra
faccia cretttata, uà ‘sta cecanella
a lla Scola, cchiù allegra ‘e ‘nna segnòra.

La mamma all’anta, gli’ è accattate a Stella
– chella che sta pe ll’anta, loche fòre –
je uàllene ; ella figlia bbella bbella
ca se rescalla la uccuccia d’ òre.

Comm’è cuntenta ! Sènte i zampegnare;
se ferma a lle utrìne addo’i terròne
sta’ nzembra a lle serpette, ai mestacciòle

rid’a i’ Bambine, ride aglie crapare
‘e còccia p’i Presèbbie…e a ccone a ccone
se ‘ncanta e ‘nse recòrda cchiù ‘e lla scòla.

F. Biancale
Da: Canzune ‘e Sciume, 1935, Sora.

[/first][second]

Bambina di Natale

Tutta stretta come a un fagottino
per il vento che arrossa quella povera faccia screpolata, va questa bambinella
alla scuola, più allegra di una signora.

La mamma sull’uscio, gli ha comprato a Stella – quella che sta sull’uscio, la fuori –
le castagne lesse ; e la figlia bella bella
ci si riscalda la boccuccia d’oro.

Come è contenta ! Sènte gli zampognari;
si ferma davanti alle vetrine dove il torrone
sta insieme alle liquirizie e ai mostaccioli

ride al Bambino, ride al capraio
di coccio del Presepe…e un po’ alla volta
s’incanta e non si ricorda più della scuola.

[/second] [/double_paragraph]

Alcuni termini di una bellezza particolare sono:
crettata, che è di facile comprensione…
i uallene, le famose castagne bollite, antagoniste delle uròle , le castagne arrostite.
Le serpette, erano liquirizie zoomorfe che sono restate in produzione a lungo.

 

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu