lunedì 22 ottobre 2012

Polverini: “Improbabile votare entro l’anno”. Zingaretti: “Tutte balle, hanno solo paura”. Fiorito intanto resterà in carcere

Renata Polverini ha dichiarato oggi: “Votare entro l’anno? Ho già detto in altre occasioni che mi sembrava abbastanza improbabile rispetto alla nostra normativa regionale e ai decreti degli ultimi mesi sulla Spending review e il ridimensionamento del numero dei consiglieri”.

La replica di Nicola Zingaretti, candidato alle regionali per il centrosinistra, in un’intervista a Repubblica Tv: “Tutto quello che si è detto sugli impedimenti legislativi sono delle colossali balle perché in realtà le norme sono chiare. Ci sono dei compiti da assolvere indicati dal governo, come la riduzione dei consiglieri ai quali si può adempiere anche dopo il voto nelle regioni in cui il presidente è dimissionario. La presidente si è dimessa il 27 settembre, siamo al 22 ottobre e in quasi un mese di tempo non é successo nulla malgrado il governo abbia chiarito che non è solo un problema legislativo, ma che anche politicamente sarebbe giusto non lasciare questa situazione di impasse totale. C’é un deliberato tentativo di rinviare la data del voto. Con l’election day non si risparmia niente. Anzi, la paralisi come quella attuale costerebbe ai cittadini milioni e milioni di euro in termini di assenza di provvedimenti, di investimenti. Il tema del risparmio è un’altra delle balle che hanno messo in giro in queste ore per giustificare in realtà la paura di andare a votare. Non c’é alcun risparmio nell’election day fatto ad aprile o in una data vicina al mese di aprile”.

Intanto Franco Fiorito resta in carcere: per un uomo con una tale «debordante propensione criminale come Franco Fiorito» il carcere è la misura più idonea. Questo quanto stabilito dai giudici del tribunale del Riesame di Roma.

Commenti

wpDiscuz
Menu