Prestigioso riconoscimento per Ubaldo Carnevale, “monumento” della pallavolo sorana

40 anni di esperienza sottorete per il dirigente volsco.

Per l’Argos Volley Sora arriva un’altra mostrina e ad appenderla, fiero della propria attività ultra quarantennale è il vicepresidente – nonché tra i fondatori – della realtà pallavolistica bianconera. Il Coni ha ufficialmente insignito Ubaldo Carnevale della Stella di Bronzo al Merito Sportivo per l’anno 2017, un riconoscimento conferito grazie alla sua attività dirigenziale. L’organizzazione sportiva nazionale precisa che con questa onorificenza intende attestare le capacità di Carnevale, i risultati conseguiti e il generoso impegno profuso in tanti anni dedicati allo sport.

“Questo è per me l’ennesimo gesto di gratitudine e gioia con cui la pallavolo ricambia la mia passione – spiega il vice presidente volsco. Tutti i giorni, le sere, le domeniche trascorsi in ogni genere di palestra, da quelle in cemento fino ai parquet della SuperLega, vengono ricambiati in momenti speciali come questo. Questo premio incornicia la mia vita sportiva e non, rientrando di fatto tra i momenti più significativi della mia esistenza”.

E’ dunque la giusta ricompensa ad anni e anni di passione e attività sul territorio?
“Generazioni di giocatori e giocatrici, bambini e bambine, ragazzi e ragazze, genitori, tutti i tifosi e tutti gli sportivi che amano la pallavolo sono la continua conferma negli anni che tutto ciò che viene fatto con passione, entusiasmo e serietà permette di raggiungere traguardi professionali, personali ed emotivi in grado di lasciare il segno nella vita”.

C’è qualcuno a cui rivolgi un particolare pensiero, che è stato fondamentale nel percorso che ti ha portato fino a questo importante titolo?
“A mia madre. Nel 1974 mi allenavo con il Napoli 3 o 4 volte la settimana e lei mi diede un ultimatum: o dentro o fuori casa. Scelsi così di costruirmi una squadra/società a Sora, con tutte le difficoltà e le problematiche che ciò comporta, superati però con testardaggine e tigna. Poi incrociammo il destino con quello della famiglia Giannetti, che a perseveranza ne ha da vendere, e in qualche anno un sogno ritenuto impensabile è divenuto splendida realtà. Il 15 maggio 2016, l’Argos vola nel gotha della pallavolo, in Superlega A1! Che pianti quel giorno!”.

Quale sarà il tuo contributo per il futuro?
“Il mio impegno e il mio amore per il club non verranno mai meno. Spero tanto che il futuro sia roseo. Invito gli imprenditori e i tifosi ad unirsi a noi per costruire una squadra ancor più grande e forte. Quest’anno il campionato sarà bellissimo perché farcito dei migliori giocatori del mondo. Ma noi non staremo a guardare. Forza Sora!”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

SPONSOR

L'apertura fino alle 22 del supermercato situato a San Giuliano è già attiva.