2’ di lettura

CRONACA

Prezzi degli immobili in Italia: l’andamento nel 2023

Grande interesse da parte dei nostri connazionali nei confronti degli immobili. L’importanza dell’investimento nel mattone. La media dei prezzi in Italia.

Il trend del mercato immobiliare in Italia, come accade in effetti anche in altri Paesi del mondo, è costantemente in evoluzione. Che cosa dobbiamo aspettarci dal futuro in questo settore e in particolare dall’anno che è appena iniziato? Le analisi degli esperti mettono in evidenza che, anche se l’economia si contraddistingue per dei periodi attuali in cui si evidenziano dei momenti critici, c’è un grande interesse da parte dei nostri connazionali nei confronti degli immobili. Questo accade sia facendo riferimento agli investimenti che per la ricerca di abitazioni in cui vivere. Quali sono le previsioni per i prossimi mesi in questo ambito?

L’importanza dell’investimento nel mattone

Purtroppo stiamo affrontando ancora nel nostro Paese molte criticità che incidono sull’affitto appartamenti. Per trovare informazioni anche su questo settore si può consultare il sito Immobiliovunque.it, un portale particolarmente performante che ci dà un’idea sulle offerte per le compravendite e per gli affitti degli appartamenti.

Il portale di cui stiamo parlando sceglie soltanto annunci immobiliari selezionati, fra quelli che provengono dai veri esperti del mercato, le agenzie immobiliari.

Ma stavamo parlando appunto di criticità. Ricordiamo, infatti, a questo proposito come il rincaro delle energie influisce sulle imprese costruttrici e sulle famiglie. Inoltre stiamo scontando ancora gli effetti del post pandemia.

Nonostante tutte queste criticità, comunque, rimane alto l’interesse da parte di coloro che vogliono investire nel mattone. Si tratta di investitori che vogliono avere un’abitazione per viverci, ma anche di persone a cui interessa comprare o affittare, per poi mettere a rendita queste abitazioni.

La media dei prezzi in Italia

È chiaro che quando si inizia a cercare casa le prime domande che sorgono sono quelle relative ai prezzi. Da questo punto di vista è possibile farsi un’idea migliore, considerando l’andamento dei prezzi per quanto riguarda l’affitto e la compravendita delle case già all’inizio del 2022.

Gli esperti mettono in evidenza la situazione che si registra in alcune grandi città del nostro Paese. Hanno così potuto appurare che da una media di 1.602 euro si passerebbe ad una media di 1.674 euro.

Sono dei numeri naturalmente molto alti, ma caratterizzati ancora dall’influenza che sta pesando sul settore immobiliare in seguito alla crisi del Covid. Ma possiamo fare degli esempi relativi ad alcune città italiane. È il caso di Genova, ad esempio, dove i prezzi medi di chi vuole prendere un immobile subiranno un incremento molto alto.

Oppure possiamo fare l’esempio di Bari. Per questa città per il 2023 è previsto un aumento del 2,8% del prezzo degli immobili. Quindi chi vorrà comprare nel capoluogo pugliese dovrà possedere un budget di circa 1.962 euro al metro quadro.

La situazione resta molto variegata in diverse città italiane, anche nelle grandi città. Per esempio a Torino non sono previsti grandi rincari, almeno nel corso del prossimo anno. Invece, per esempio, a Napoli, mentre tutte le altre grandi città in generale tendono ad un rincaro, per il 2023 si prevede una tendenza al contrario, con prezzi che potrebbero diminuire di circa l’1,5%. Per comprare una casa a Napoli serviranno circa 2.696 euro al metro quadro.

Anche a Venezia i prezzi sono in controtendenza, perché per questa città si prevede una riduzione al metro quadro dello 0,3%. Altri punti importanti sono rappresentati dalle città forse più rappresentative a livello italiano. Si tratta di Roma e Milano. Nella capitale si prevede un leggero incremento, che corrisponde allo 0,76%. A Milano l’incremento sarà più alto, perché si parla di prezzi più elevati del 2,9%.

Quindi possiamo dire che nel capoluogo lombardo si arriverà anche a spendere 5.300 euro medi al metro quadro per chi vuole acquistare. Sarebbero 150 euro in più rispetto ai prezzi che sono attualmente richiesti.