53" di lettura

Prima sconfitta per la BPC Volsci Rugby Sora

Quella disputata oggi pomeriggio al campo sportivo “Giuseppe Panico” tra la BPC Volsci Rugby Sora e la Polisportiva Paganica Rugby era già stata pronosticata come una partita difficile. I bianconeri sono però scesi in campo dimenticando che i loro avversari erano si temibili ma anche battibili ed hanno deposto le armi prima ancora di impugnarle. La partita si è conclusa 3 a 43, un risultato che punisce l’arrendevolezza della squadra sorana.

Durante il primo tempo i Volsci ottengono 3 punti grazie ad un calcio di punizione battuto da Simone Vellucci, mentre gli abruzzesi realizzano due mete seguite da due trasformazioni – in tutto 14 punti. I padroni di casa mantengono però alta la concentrazione e alternano belle azioni ad altre meno buone, causate da qualche incertezza sulle azioni. È nel secondo tempo che il morale dei bianconeri sprofonda in caduta libera. Dopo due mete realizzate dalla Paganica Rugby nei primi dieci minuti di gioco, l’attenzione crolla e il punteggio si arresta sullo 3 a 14.

Non ci si può dire completamente insoddisfatti della squadra sorana, costituita da ottimi elementi che devono soltanto credere di più nelle proprie capacità. Da segnalare l’infortunio del capitano Matteo Sardellitti, uscito zoppicante dal campo al termine del primo tempo.

Melania Di Palma – Uff. Stampa BPC Volsci Rugby Sora

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Amazon

Con Amazon Prime, ricevi spedizioni illimitate in 1 giorno su 2 milioni di prodotti e in 2-3 giorni su molti altri milioni.

saturimetro

Saturimetro: perché è utile averlo in casa?

Saturimetro: cos'è, a cosa serve, come si usa e come si legge.

Apple iPhone 12

Apple iPhone 12 già a prezzo scontato su Amazon

Apple iPhone 12 è uno degli smartphone iOS più avanzati e completi che ci siano in circolazione.

PlayStation 5

PlayStation 5: vista e sparita in quattro e quattro otto. Mistero della fede...

Davvero incredibile ciò che è accaduto qualche giorno fa. Sono tantissimi quelli rimasti con un enorme punto interrogativo sopra i capelli.