1’ di lettura

EVENTI E CULTURA

“Race for the Cure”, XXIII edizione: a Roma anche una folta rappresentanza sorana

La popolare corsa di solidarietà e di raccolta fondi della Komen Italia per sostenere la lotta ai tumori del seno, anche quest’anno, ha visto la conclusione dell'evento al Circo Massimo.

Domenica 8 maggio si è tenuta a Roma la XXIII edizione della “Race for the Cure” che ha solo concluso un evento lungo quattro giorni, iniziato con l’inaugurazione giovedì del “Villaggio della Salute, Sport e Benessere”. L’associazione culturale no profit Iniziativa Donne di Sora ringrazia sia i tanti partecipanti all’evento come squadra “Sora in Rosa”, sia il Comune di Sora per aver cofinanziato la spesa del viaggio per Roma in bus.

La popolare corsa di solidarietà e di raccolta fondi della Komen Italia per sostenere la lotta ai tumori del seno, anche quest’anno, ha visto la conclusione dell’evento al Circo Massimo. Ai nastri di partenza, insieme alle madrine dell’evento, le attrici Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi, c’erano diverse istituzioni, dello sport e della cultura, delle forze dell’ordine a sostenere le “Donne in Rosa”, operate di tumore al seno che, indossando la caratteristica t-shirt rosa hanno offerto una testimonianza coraggiosa per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce ed incoraggiare le altre donne, che incontrano la malattia, a farlo con un atteggiamento più positivo.La manifestazione dava spazio anche alla corsa competitiva.

A vivere la giornata di festa anche famiglie ucraine ospiti a Sora; a seguire la corsa-passeggiata una delegazione della protezione civile di Sora. “Il periodo di lockdown che abbiamo vissuto ha reso ancora più emozionante la partecipazione della squadra alla race” – hanno detto le socie del direttivo dell’associazione culturale no profit Iniziativa Donne di Sora che invita sempre più persone ad avvicinarsi alla Susan Komen Italia, presieduta dal primario del reparto d’oncologia per Policlinico Gemelli, dottor Riccardo Masetti, che regala sempre vere e forti emozioni.