Referendum su illuminazione pubblica a Sora: «È facile fare i “fighi” con le idee altrui» (di Sabrina Bianchi)

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota a firma della Prof.ssa Sabrina Bianchi.

«Ohibò l’opposizione si è accorta ora che esiste uno Statuto comunale e la possibilità di indire un referendum abrogativo… che strano, e io che pensavo che la lettura e la conoscenza approfondita dello Statuto fossero tra i primi interessi di chiunque aspirasse a partecipare attivamente e fattivamente all’amministrazione di una città e dovere ineludibile di chi si ritrovasse ad essere eletto. Ma già, io sono un’idealista sognatrice, una di quelle che predicano senza sapere di cosa sta parlando, e sarà forse vero, ma comunque io lo Statuto l’ho letto nel preciso momento in cui mi sono messa a “predicare” e poco ci è mancato che mi venisse un colpo.

Credo di non aver mai avuto davanti agli occhi un documento ufficialmente sottoscritto ed approvato ma totalmente disatteso nei suoi punti fondamentali. Davvero vorrei che tutti i Sorani lo leggessero, sono certa che, alla fine della lettura, converrebbero con me che si tratta, in riferimento alla nostra città, di un documento di “fanta amministrazione”, dal momento che se la nostra Amministrazione funzionasse così come si è impegnata con esso a fare, vivremmo nel migliore dei mondi possibili.

Come se non bastasse (perdonatemi, ma, da docente quale sono, non posso fare a meno di prestare un’attenzione quasi maniacale anche alla forma oltre che alla sostanza), mai nella vita mi era capitato di imbattermi in un documento ufficiale in cui ci sono intere parti mancanti (basti dire che il Capo I, art. 8 si ripete due volte e che si passa dall’art. 33 all’art. 34). D’accordo, l’attuale Amministrazione comunale poco c’entra con la sua stesura, che risale al 2008, ma è anche vero che lo ha ratificato al momento del suo insediamento e che debba conoscerlo a menadito e lo stesso dicasi per l’opposizione, che di quell’Amministrazione è parte integrante.

Ratifica, a questo punto è ovvio, effettuata senza la debita, preventiva lettura, perché, stando al documento che ho davanti, nessuno si è ovviamente dato la briga di leggerlo e di correggerlo, figuriamoci di conoscerlo nei suoi punti fondamentali. Del referendum – tirato magicamente fuori in questi giorni per abrogare la delibera concernente l’appalto per la pubblica illuminazione (contro il quale, sia chiaro, mi schiero anche io) – si parla subito dopo la petizione, come mai l’opposizione non ci ha pensato subito invece di perdere tanto tempo prezioso?

Ok, già mi pare di sentire alcuni inveirmi contro: “Beh tu che dici di aver tanto letto lo Statuto perché non hai portato avanti la proposta referendaria??” Mea culpa, lo Statuto io l’ho letto solo un mese fa, quando rabbia e indignazione mi hanno spinto ad interessarmi delle sorti di questa città martoriata, ma la nostra opposizione aveva il dovere di conoscerlo fin dal primo giorno del suo insediamento, se non prima. Eppure c’è chi, in essa, si fregia del ruolo di formatore in materia di amministrazione pubblica…

A proposito, mi è giunta voce che sia stato proprio in uno di quegli incontri “formativi” che una cittadina, completamente estranea alla politica ma animata da un senso di responsabilità talmente profondo da sentire il bisogno di non andarci impreparata e di leggere almeno lo Statuto comunale prima di prendervi parte, ha fatto presente, così, su due piedi, che si poteva ricorrere al referendum abrogativo e questo senza fare alcun corso preventivo, a dimostrazione che c’è tanta gente che non ha bisogno di essere “formata” (lasciamo perdere poi il fatto che, spesso, il confine tra formazione e indottrinamento è molto labile), bastano responsabilità, senso del dovere, coscienza civica e un notevole amore per la propria città. Mi dispiace se ho fatto delle affermazioni molto forti e me ne assumo la piena responsabilità, ma è facile fare i “fighi” con le idee altrui».

Clicca qui per seguirci su Google News o clicca qui per seguirci su Telegram e ricevere sul tuo smartphone una notifica per ogni nuova notizia. Clicca qui sotto sul bottone "Mi piace" per seguirci su Facebook:
CORONAVIRUS

Disposizioni emergenza Coronavirus: un'altra quarantina di multe dei Carabinieri di Frosinone e provincia

Alatri, Ceccano, Pofi, Ripi, Castro dei Volsci, Pontecorvo, Anagni, Piglio, Sgurgola, Ferentino: l'elenco dei sanzionati si allunga ancora di più ...

CRONACA

Ci ha lasciato Domenico Ferrari

Si è spento ieri presso la propria abitazione al Carpine.

CORONAVIRUS

ROMA - Emergenza Coronavirus: pendolari accalcati a Termini per rilevamento temperatura

Ecco come si presentava lo scalo capitolino stamane alle sette e un quarto.

CORONAVIRUS

Coronavirus, la situazione a Sora: per il quarto giorno consecutivo zero contagi

I casi restano 34. In arrivo buone notizie anche sul fronte dei guariti.

CORONAVIRUS

ROMA - Altri ricoverati in meno allo Spallanzani. Il bollettino di oggi

Di seguito il consueto bollettino sull'emergenza Coronavirus divulgato dall'Istituto Nazionale Malattie Infettive situato sulla Portuense. «I pazienti COVID 19 positivi sono ...

CORONAVIRUS

Emergenza Coronavirus: IRIS non abbandona i pazienti oncologici. L'iniziativa

La situazione sanitaria non deve far scivolare in secondo piano tantissimi pazienti affetti da altre patologie, come ad esempio quelli ...

CORONAVIRUS

Coronavirus: imprenditore arrestato dalla Finanza per "turbativa d'asta"

L'operazione è scattata dopo una serie di anomalie riscontrate nell’ambito della procedura di una gara, del valore complessivo di oltre 253 ...

CORONAVIRUS

SORA - Emergenza Coronavirus: stop a prenotazione mascherine. Partita la distribuzione

L'annuncio del Comune. I dispositivi sono stati donati dalla Protezione Civile Regionale.

POLITICA

SORA - Dalla Provincia quattro milioni e mezzo di euro per l'adeguamento sismico del Liceo "Gioberti"

La concessione del finanziamento è stata resa nota dalla Direzione regionale Infrastrutture e Mobilità.

CORONAVIRUS

ISOLA DEL LIRI - Emergenza Coronavirus: una lettera dal Comune per tutti i bambini della città

«È un momento difficile per voi bambini, che in questo momento non potete dedicarvi alle vostre attività preferite: niente scuola, niente ...

CORONAVIRUS

Emergenza Coronavirus: i Carabinieri portano colombe e uova pasquali a bambini e anziani

Un piccolo gesto di augurio ed un sorriso da parte dell’Arma nei confronti di soggetti più sensibili e vulnerabili.