1’ di lettura

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Martina nella speranza che Ernesto Tersigni e/o Giovanni di Pangrazio, sindaci di Sora e Avezzano, la leggano…

Gentile redazione di Sora24, vi scrivo per parlarvi dell’ennesimo disagio verificatosi ieri sera sulla ferrovia Sora-Avezzano in zona Compre – Ridotti. Mia madre ha preso il treno delle 18.10 per recarsi ad Avezzano. Alle 18.56 mi è arrivata notizia che il treno sul quale viaggiava si è fermato per un “problema di aria”.

Non ho capito bene di cosa si trattasse, ma la cosa mi è sembrata abbastanza “problematica” visto che il treno era fermo e non riusciva più a ripartire. Così ho chiamato subito mia madre, la quale mi ha detto che stavano aspettando un altro convoglio proveniente da Avezzano che li avrebbe rimorchiati e portati a Ridotti, dove avrebbero trovato un autobus che li avrebbe condotti a destinazione.

Per farla breve, l’attesa è durata fino alle 21.10, ossia 3 ore dopo la partenza. E successivamente un aubobus privato li ha portati ad Avezzano. Ora, io mi domando: è ammissibile nel 2012  viaggiare ancora in treni del genere? Capisco eventuali e naturali problemi tecnici, però è inaudito che i “soccorsi” arrivino a distanza di ore!!!

Sono stata studentessa universitaria per 8 anni, prima a L’Aquila, poi a Pescara, e il primo punto di riferimento nel trasporto pubblico è sempre stata Avezzano. Quanti disagi ho dovuto patire, solo perché non si riescono ad apportare migliorie ai trasporti! A Sora due collegamenti ferroviari abbiamo: Avezzano e Cassino. Beh, almeno questi vogliamo farli funzionare?

Mia madre non aveva particolari urgenze di arrivare a Avezzano, ma sul convoglio potevano esserci anche studenti che poi avrebbero perso sicuramente la coincidenza o lavoratori che avrebbero rischiato il posto per un clamoroso ritardo (perché gli autobus poi ad Avezzano non aspettano, ma non parlo di questa cosa altrimenti inizio un’altra polemica!): perché nessuno si preoccupa mai di queste cose?

Martina D’A.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...

CORONAVIRUS - La Lattoferrina può essere utile per la prevenzione del Covid

La Lattoferrina ha dato ottimi risultati contro il Covid: una portentosa scoperta frutto dell'egregio lavoro di squadra condotto dalle università ...