50" di lettura

ROMA SUD – Isolata casa di riposo: 18 “positivi” e un decesso

D'Amato: «Vista la gravità della situazione e l’insufficienza dell’azione messa in campo dalla proprietà, si è ordinato alla Asl di subentrare nella gestione sanitaria».

«È stata predisposta l’Unità di Crisi per la Casa di riposo Giovanni XXIII in via Galeffi a Roma gestita dalla Fondazione Sorelle della Carità. Ad oggi risultano positivi 13 anziani di cui uno ricoverato, 5 operatori e stanotte c’è stato un decesso di una anziana e sul posto è giunto il servizio medico legale per il riscontro e il trasporto della salma.

Vista la gravità della situazione e l’insufficienza dell’azione messa in campo dalla proprietà della casa di riposo, che non adempie alle prescrizioni indicate dalla Asl Roma 2, si è ordinato alla Asl di subentrare nella gestione sanitaria vista la impossibilità della proprietà.

Si è infine chiesto al Comune di Roma di predisporre tutte le azioni tese a garantire l’approvvigionamento del vitto agli ospiti della struttura che continuerà ad essere posta in isolamento secondo le direttive impartite dalla Asl e dal servizio regionale di sorveglianza malattie infettive SERESMI – Spallanzan».

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti