2’ di lettura

Rossella Muroni e Green Italia Frosinone supportano sindaci contro ampliamento discarica Roccasecca

«Sono vicina ai Sindaci che oggi portano il disagio, lo sgomento e la protesta delle loro comunità in piazza a Roma - ha commentato la deputata LeU».

e gli attivisti di Green Italia Frosinone a sostegno dei sindaci in una importante battaglia per l’ambiente. “Sono ormai venti anni che gli enti preposti, dal provinciale al nazionale, non trovano altra soluzione che ampliare la Discarica di Roccasecca. Questo territorio è stufo delle promesse mancate, degli slogan vuoti che non trovano mai riscontro nella realtà, della parola emergenza che di anno in anno continua a risuonare beffarda, della parola sostenibilità utilizzata come spot elettorale. Mentre sono ancora in corso gli ennesimi esami dell’Ispra Crn, necessari a valutare l’eventuale contaminazione del suolo nei terreni circostanti, il Governo ha pensato bene, per la terza volta in 18 mesi, di dare parere positivo ad un ampliamento della discarica. Le prime due occasioni hanno riguardato l’innalzamento del IV lotto, una montagna artificiale che ha modificato e deturpato il paesaggio circostante, e pochi giorni fa ha dato il via libera alla costruzione del V bacino di Discarica, “superando il dissenso posto dal Ministero dei Beni Culturali”, dichiarano gli attivisti del Frusinate.

“È inammissibile continuare a scaricare sulle Province, l’inefficienza dell’intero sistema regionale dei rifiuti. Le cittadine e i cittadini di Roccasecca, San Giovanni Incarico, Colfelice, Pontecorvo, hanno gli stessi diritti degli altri abitanti della Regione. Siamo stufi di essere trattati come la ruota di scorta della Regione e a questo punto, vista l’azione del Governo, dell’Italia intera, per questo sosteniamo la protesta, o meglio il grido di dolore, dei Sindaci spiegano Umberto Zimarri, membro dell’Ufficio di Presidenza dell’Associazione e Consigliere Comunale di San Giovanni Incarico, e Davide Luzzi, attivista Pontecorvese di Green Italia.

Alla luce di quanto accaduto nelle ultime ore, con l’annullamento del Piano Territoriale Paesaggistico Regionale da parte della Corte costituzionale, stiamo valutando la possibilità di richiedere un immediato stop all’iter progettuale del V Bacino che presuppone un Piano Paesaggistico valido a tutti gli effetti, spiega l’avvocato, Anna Chiara Forte, anch’essa dell’Udp di Green Italia.

Sulla vicenda interviene anche Rossella Muroni, parlamentare e componente dell’ufficio di presidenza di Green Italia che sulla vicenda ha già depositato ben due interrogazioni e che si è detta disponibile, in tempi brevi, ad ascoltare i Primi Cittadini.

“Questa vicenda – commenta la deputata Rossella Muroni – è un esempio di quello che non andrebbe fatto: la Regione che sollecita la Presidenza del Consiglio dei Ministri a smentire una sua precedente deliberazione, quest’ultima che accetta di annullare quanto stabilito lo scorso anno e di non tenere in conto le osservazioni del Ministero dei Beni Culturali. Sono vicina ai Sindaci che oggi portano il disagio, lo sgomento e la protesta delle loro comunità in piazza a Roma. L’economia circolare non può essere solo uno slogan, ma va praticata a partire da una corretta gestione del ciclo dei rifiuti in tutti i territori”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti