venerdì 15 luglio 2016

Ruba tre calici di ostie consacrate e poi li butta nel Liri. 17enne nei guai

In Strangolagalli, i militari della locale Stazione, a conclusione delle indagini intraprese a seguito del furto di 3 calici contenenti ostie consacrate avvenuto alla fine del mese di maggio all’interno della chiesa “San Michele Arcangelo” di quel centro, hanno denunciato in stato di libertà un 17enne già censito per reati contro il patrimonio, che, incalzato dalle attività investigative messe in atto dai militari operanti, ha ammesso la responsabilità del furto.

Lo stesso, approfittando della chiesa aperta ai fedeli, si è introdotto all’interno del luogo sacro e con un punteruolo forzava il tabernacolo impossessandosi dei calici ritenendoli di valore ove erano contenute anche una cospicua quantità di particole. Solo successivamente il giovane si è accorto che gli oggetti chiesastici erano di scarso valore economico e, per tale motivo, ha deciso di disfarsene gettandoli unitamente al loro contenuto nel fiume Liri. Sono tuttora in corso indagini tese all’individuazione di eventuali complici e al recupero della refurtiva.

Commenti

wpDiscuz
Menu