2’ di lettura

“San Casto Sky Trail”: presentata la prima edizione dal “Cai” di Sora

Si è svolta il 16 gennaio scorso, nella prestigiosa cornice della Sala San Tommaso d’Aquino in Sora, la conferenza di presentazione della prima edizione della Corsa di Montagna: “San Casto Sky Trail”. Ad aprire i lavori il Presidente della locale sezione Cai Antonio Farinelli che ha salutato i convenuti presentando l’evento come una grande novità nel panorama delle attività sportive locali, che il Cai Sora, (la seconda sezione più antica della Regione Lazio dopo Roma, e la seconda associazione sorana per anzianità dopo la Società Operaia di Mutuo Soccorso) ha di buon grado deciso di organizzare. A seguire ha preso la parola Loris Nardelli, delegato regionale della CSEN/OUTDOOR FSA, e presidente dell’Atina Trail Running, che ha rimarcato l’unicità delle bellezze montane che cingono la città di Sora che rendono così la gara unica nel panorama regionale, e non solo.

IMG_0626_660

I saluti iniziali si sono conclusi con Lucio Meglio dell’Università di Cassino, e socio Cai, il quale ha presentato il concorso letterario organizzato con il Secondo Istituto comprensivo di Sora “Riccardo Gulia” rivolto alle nuove generazioni e volto ad incentivare la cultura della montagna. A questo punto si è entrati nel vivo della presentazione tecnica della gara presentata da Francesco Rea, ideatore del percorso assieme a Carlo Rea e Paolo Lucarelli. Il percorso, molto suggestivo, si snoda lungo le montagne della città, arrivando a toccare la cresta di Sant’Angelo a 860 metri s.l.m. Si parte da piazza San Rocco, si prende la salita di via Spinelle e si arriva al Ritiro dei Passionisti. Qui, oltrepassato lo splendido giardino del convento, inizia la salita verso il monte con una pendenza media del 17%. Oltrepassata la “pineta comunale”, con la seconda parte della salita dove la pendenza arriva al 22%, si arriva in cresta e da qui inizia la discesa verso la contrada di Baffetta, una discesa abbastanza dura visto il manto roccioso e con una pendenza media del 21%.

Dopo un breve tratto in pianura si ricomincia a salire verso il Castello di San Casto, sentiero con pendenza al 19%. Arrivati sul colle si scende nel sentiero della “Rava Rossa”, si attraversano i vicoli del centro storico ed alla fine di via Gelsi si prende il sentiero per la Madonna delle Grazie con i suoi 409 gradini che metteranno a dura prova la resistenza degli atleti. Si scenderà infine verso San Silvestro con l’arrivo in piazza San Rocco. Un percorso unico nel suo genere che rispecchia appieno lo spirito Trail: niente asfalto ma corsa su fondo naturale; panorami unici; meno competizione, visto che l’avversario da battere non è «l’altro» ma se stesso; ed infine valorizzazione delle bellezze locali. Nel ringraziare infine i principali sponsor della competizione: Salomon, Villa Gioia e Supermercati Gros, gli organizzatori hanno dato appuntamento al 16 febbraio prossimo, una giornata che si prospetta di festa per tutta la città, con l’arrivo di centinaia di persona da tutto il centro Italia.

CAI Sez. di Sora

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...

CORONAVIRUS - La Lattoferrina può essere utile per la prevenzione del Covid

La Lattoferrina ha dato ottimi risultati contro il Covid: una portentosa scoperta frutto dell'egregio lavoro di squadra condotto dalle università ...