sabato 26 luglio 2014 719 VISUALIZZAZIONI

Sanità: la Regione Lazio affianca un “tutor” alla manager Mastrobuono

“L’affiancamento del dottor Cirillo alla Mastrobuono è di fatto la certificazione, da parte della regione, del fallimento della manager della Asl che non ha saputo affrontare il compito assegnatole offrendo delle soluzioni ai più grossi problemi della sanità della nostra provincia”. E’ questa la sintesi del commento del coordinatore provinciale di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli, all’indomani della notizia che rende nota la nomina del dottor Giovanni Cirillo a coordinatore della segreteria della Direzione Generale della Asl di Frosinone. “In sostanza sulla sua scrivania dovranno passare tutte le decisioni in materia di politica sanitaria nella nostra provincia.

Provo solo per un attimo ad immaginare il commento e le valutazioni dei nostri cittadini/pazienti. La protesta sotto gli uffici della Mastrobuono, successiva all’inerzia, evidenziata in termini di rilancio dell’offerta sanitaria nella nostra provincia, e al depotenziamento sostanziale degli ospedali maggiori del territorio, avrebbe dovuto spingere la Regione Lazio ad adottare misure urgenti per garantire i servizi sanitari ai nostri cittadini e non a dare risposte alla richiesta di poltrone da parte di alcuni.

Non mi meraviglierei, quindi, di uno scatto d’orgoglio della Mastrobuono con una lettera di dimissioni. Sappiamo bene tutti che la Mastrobuono non ha fallito per demeriti suoi ma esclusivamente perché vincolata dai limiti e dalle scelte imposte dall’Amministrazione regionale che pensa di risolvere i gravissimi limiti dell’offerta sanitaria nella nostra provincia con l’aggiunta di un ematologo a Frosinone, un pediatra a Cassino, uno ad Alatri ed uno a Sora, dove vorrebbe mandare anche due ortopedici.

Ma questo interessa ben poco ai cittadini, che vogliono una sanità provinciale più efficiente, un modello di offerta sanitaria completa e qualificata, che non deve costringere i nostri pazienti a rivolgersi ai centri romani o, peggio, d’oltre regione, con aggravi di costi per la cosiddetta migrazione passiva. Per questo, come ho già avuto modo di dichiarare – conclude Ciacciarelli – lasciamo da parte le lotte politiche intestine e fermiamo lo smantellamento della nostra sanità provinciale già in atto, che ha il solo scopo di favorire il malcelato perseguimento di un modello sanitario romano centrico. La sanità, in una società moderna e civile, è un diritto dei cittadini, non un lusso”.

Emergenza sangue a Sora: AVIS Sora invita a donare

Serve sangue 0 negativo, A negativo e B negativo. Chi non conosce il proprio gruppo può donare ugualmente: il Centro Trasfusionale dell'Ospedale di Sora farà tutte le analisi necessarie.

I più letti oggi
COTRAL SORA
1

COTRAL SORA - «Salve, volevo rendere pubblici i miei ringraziamenti ai dipendenti del Cotral di Sora, in particolar modo ai ragazzi addetti alle ...

TOMMASO FERRARI
2

TOMMASO FERRARI - Il giorno 20 Luglio 2018, alle ore 1:05, è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari, all'età di anni 96, TOMMASO FERRARI. I funerali si ...

MASSIMILIANO BRUNI
3

MASSIMILIANO BRUNI - Ieri sera nella sede del Comune in un incontro svoltosi alla presenza di una folta rappresentanza del quartiere di Via ...

I più letti della settimana
DANIELE BALDASSINI
1

DANIELE BALDASSINI - Le copertine di Facebook descrivono pensieri e stati d'animo delle persone. Su quella di Daniele Baldassini, giovane papà venuto a ...

DANIELE BALDASSINI
2

DANIELE BALDASSINI - Esprimo, a nome mio e dell’Amministrazione Comunale di Sora, sentimenti di profondo cordoglio per la prematura scomparsa di Daniele ...

PIETRO AMICUCCI
3

PIETRO AMICUCCI - Il giorno 18 Luglio 2018, alle ore 2:30, è venuto a mancare, all'età di 73 anni, il Prof. PIETRO AMICUCCI. I funerali avranno luogo il ...

X