Schiuma sul Sacco: sequestrato impianto trattamento rifiuti

L’indagine è nata a seguito degli scarichi anomali contenenti sostanze inquinanti verificatisi nello scorso novembre.

Come riportato nel comunicato stampa dei militari dell’Arma di Frosinone.

«Nella giornata di ieri (venerdì 26 ndr) il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone, e la Polizia Provinciale di Frosinone, hanno eseguito un decreto, emesso dal GIP del Tribunale di Frosinone su richiesta della Procura presso il Tribunale di Frosinone, che dispone il sequestro dell’impianto di una nota società sita in Patrica (FR), autorizzata al trattamento di rifiuti liquidi pericolosi e non pericolosi, per i reati di inquinamento ambientale, violazione di prescrizioni contenute nell’autorizzazione integrata ambientale e impedimento al controllo.

L’indagine nasce a seguito dei funesti eventi d’inquinamento del Fiume Sacco, per scarichi anomali contenenti sostanze inquinanti accaduti nel novembre 2018, che tanto hanno allarmato la popolazione. Come noto, in data 24/11/2018 e nella notte tra il 29/11/2018 e il 30/11/2018 si sono verificati ne1 fiume Sacco sversamenti di sostanze che hanno dato origine a ingenti fenomeni schiumosi, rilevati nel centro abitato del Comune di Ceccano. Il fiume Sacco era completamente ricoperto da una fitta coltre di schiuma bianca, lungo un percorso di centinaia di metri.

Dalle prime indagini effettuate con l’ausilio dell’ARPA, ed in particolare dai dati analitici trasmessi dai laboratori dell’Agenzia, é stato possibile individuare le sostanze contenute nelle schiume, e in particolare si e constatata la presenza di elevate concentrazioni di tensioattivi, elementi che possono determinare la formazione di schiume. In particolare Arpa Lazio ha rilevato la presenza di Alchilbenzensolfonati (LAS) e Alcansolfati (AS), per la categoria dei tensioattivi anionici, e Alcolietossilati (PEG) per la categoria dei tensioattivi non ionici

Non solo. Arpa Lazio, mediante approfondite analisi, é riuscita a verificare la presenza anche di altre sostanze, ovvero: Dilimonele, Eucaliptolo, Cjnele, Levomentolo. I risultati delle analisi di Arpa Lazio hanno consentito di risalire al1’impianto oggetto dell’odierno sequestro. Infatti analoghe analisi sono state effettuate sui reflui dell’azienda, nei quali sono stati riscontrati gli elementi rilevati sulle schiume presenti sul fiume Sacco.

L’intero impianto, dunque, é stato ispezionato dal NIPAAF e dalla Polizia Provinciale, unitamente a tecnici Arpa Lazio. All’esito dell’ispezione sono state rilevate numerose violazioni alle prescrizioni contenute nell’AIA. Violazioni non solo formali ma, come sottolineato dai tecnici Arpa Lazio, tali che potevano consentire all’impianto di poter scaricare reflui nelle condutture fognarie senza un trattamento. In particolare, sottolineano i tecnici dell’Agenzia, le violazioni di fatto non consentono di verificare né i quantitativi di rifiuti inviati a trattamento, né i quantitativi di acque reflue in uscita dall’unita di trattamento biologico, anche grazie a11’assenza di o non corretto funzionamento dei contatori volumetrici/misuratori di portata previsti ai fini della tracciabilità dei rifiuti gestiti.

A ciò si aggiunga che i controlli hanno altresì accertato la presenza di un bypass, che consentiva 1’immissione di reflui liquidi non trattati direttamente nella conduttura ASI (bypass che e stato già oggetto di sequestro) n(anche i1 rinvenimento di una tubazione “volante”, cioè non collegata stabilmente all’impianto, depositata su1 suolo e collegata nella vasca di raccolta delle acque di piazzale (cd “di prima pioggia”) con la presenza di una pompa. Ciò consentiva alla società di applicare prezzi estremamente vantaggiosi per lo smaltimento dei rifiuti liquidi.

Inoltre si é verificato la presenza sui piazzali di sversamenti di acque industriali, colaticci e fanghi che confluiscono nella rete preposta alla raccolta delle acque meteoriche, per poi essere direttamente recapitate tramite condutture a1 fiume Sacco. Proprio in relazione alle attivita esercitate sul piazzale Arpa Lazio sottolinea come tale rete non colletti acque meteoriche, come prescritto dall’atto autorizzativo, bensì reflui industriali e fanghi da depurazione.

Anche in tal caso le analisi di Arpa Lazio effettuati nel pozzetto di raccolta hanno evidenziato la presenza di contaminanti quali Cr IV, solventi organici aromatici, idrocarburi leggeri, tensioattivi, fosforo, azoto totale e ammoniacale, nonché valori elevati di COD e pH, che secondo i tecnici non riconducono l’acqua reflua ad un’acqua meteorica non contaminata.

Le indagini, implementate da intercettazioni telefoniche, hanno così portato all’ipotesi di reato d’inquinamento ambientale del fiume Sacco per presenza di schiume determinate dalle sostanze sopra descritte, nonché al reato di impedimento al controllo e di violazione delle prescrizioni contenute nell’AIA:

L’azione dell’A.G. e della P.G. non si ferma all’odierno sequestro, nella consapevolezza che sono possibili altri sversamenti inquinanti. Continueranno dunque i controlli lungo il fiume Sacco da parte del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone e della Polizia Provinciale di Frosinone, con una intesa attività di monitoraggio degli scarichi e degli sversamenti di reflui su tutto il corso del fiume ricadente nel territorio della Provincia di Frosinone, finalizzata alla prevenzione e repressione dei reati ambientali».

I più letti della settimana:
77.007
SORA - Tragico incidente stradale, muore ragazza giovanissima
1
CRONACA

SORA - Tragico incidente stradale, muore ragazza giovanissima

Terribile incidente stradale nella notte in zona Vuotti, sulla strada che da Arpino conduce a Carnello. Uno solo il veicolo ...

43.974
Tragedia nella notte: Sora sotto shock
2
CRONACA

Tragedia nella notte: Sora sotto shock

Le imminenti tradizionali festività dell'Assunta e di San Rocco in programma a Sora sono passate inesorabilmente in secondo piano dopo ...

37.947
SORA - Profughi: le parole pronunciate in piazza San Rocco da Don Donato Piacentini [ VIDEO ]
3
Profughi

SORA - Profughi: le parole pronunciate in piazza San Rocco da Don Donato Piacentini [ VIDEO ]

Durante i festeggiamenti in onore di San Rocco, dal pulpito allestito in piazza a Sora, Don Donato Piacentini si è scagliato ...

Roma

A pochi passi dal Vaticano abbiamo scoperto un luogo che tratta la clientela con una cura eccezionale: The Center of Rome Bed and Breakfast.

SPONSOR

Lo spider più venduto al mondo compie 30 anni. Vieni a provare la vettura oggi stesso da Jolly Auto, concessionaria Mazda per Frosinone e provincia.

SPONSOR

Da oggi presso Jolly Rent Frosinone è disponibile anche sui veicoli commerciali FCA.

Land Rover

Non si tratta di un semplice restyling quello che caratterizza la Land Rover Discovery Sport 2020 in uscita il prossimo autunno.

Peugeot

All'interno tutti i dettagli delle vetture in promozione presso Jolly Automobili Peugeot, S.S. dei Monti Lepini km 6.600, a poche centinaia di metri dal casello autostradale di Frosinone.