13 luglio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 481 VOLTE

SEL a Di Stefano su vicenda AIPES: “I cialtroni avevano forse ragione sulle promesse della Polverini?”

Di Stefano, continua come nel suo stile ad auto-elogiarsi tirando, di fatto, la volata per la conquista di un posto favorevole in lista per le prossime politiche. Ma il punto non è questo, e francamente non ci interessano le sue aspirazioni. Vogliamo sottolineare, invece, come nella sua risposta mette in evidenza che non è nel suo potere risolvere i problemi dei servizi sociali e dell’AIPES, quasi giustificandosi, e sicuramente cosciente, che la sua amata Presidente di Regione poco farà per risolvere la questione dei salari dei lavoratori delle cooperative dei servizi sociali del comprensorio.

Noi non dimentichiamo quando un anno fa la Polverini si prese l’arroganza di definire dei cittadini “cialtroni”, solo perchè manifestavano democraticamente contro il rischio chiusura del nosocomio Sorano. Ad oggi tutte le promesse fatte dalla Polverini, in campagna elettorale, per farla eleggere sindaco che fine hanno fatto?. Finita la campagna elettorale torna tutto come prima? Per caso i “cialtroni” avevano ragione?

Abbiamo un consiglio comunale monocolore tra maggioranza e opposizione affine con le amministrazioni provinciale e regionale e il risultato è la chiusura dei servizi sociali? Nell’ultimo anno i costi dell’assemblea regionale sono lievitati di 5milioni di euro, proprio quelli necessari per i servizi sociali. Ci aspettiamo che questa situazione venga al più presto risolta senza annunci pubblicitari e sfilate di politici. I servizi sociali non sono un spot elettorale.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu