8 novembre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.037 VOLTE

Serafini vs Tersigni: cronaca di un consiglio comunale (di Mike Di Ruscio)

Si è svolta ieri pomeriggio, presso la Sala Consiliare di Corso Volsci, un’assise comunale particolarmente “vivace”, visti i punti all’ordine del giorno sostenuti da una corposa relazione del Sindaco Ernesto Tersigni, riguardanti lo stato di fatto delle opere messe in cantiere dal comune unite a quelle in via di completamento. Nonostante le argomentazioni sembrassero procedere fluidamente, fiancheggiate dalle certosine relazioni dei vari assessori, si è notato un continuo fermento da parte di alcuni Consiglieri Comunali, quasi a manifestare un’ingiustificata insofferenza.

Insofferenza che si è palesata con l’inaspettato intervento del Consigliere Dott. Pierino Liberato Serafini, che con toni misurati e dettagliati ha evidenziato delle problematiche a lui molto care: “Sono entrato in politica – ha esordito –  perché credo che l’obiettivo che perseguo nel mio ruolo di medico sia lo stesso che dovrebbe porsi la politica, come ad esempio l’interesse e la tutela del cittadino. Durante le vostre relazioni sono stato in religioso silenzio, vi ho ascoltato uno per uno, e sono felice di riscontrare che sono state realizzate cose favolose, privilegio che a me, purtroppo, è stato negato. Chi mi conosce sa bene che queste cose le ho sempre sostenute; il mio impegno è stato sempre ed esclusivamente proteso verso la sanità. Quella sanità che in questo territorio verrà sempre meno, e per mancanza di rappresentanti con “attributi”i capaci di difendere il nostro territorio, e per mancanza di strutture.” 

Incalza ancora il Consigliere Serafini attaccando il Primo Cittadino:  “Lei sicuramente ricorderà quel volantino fatto corcolare durante la  campagna elettorale, che recava la scritta “SORA FRAZIONE DI CASSINO”;  ahimè, ho l’impressione che questa eventualità si stia avverando. Chiedo scusa alla cittadinanza di Sora se non sono riuscito a fare molto. Pertanto rassegno nelle mani del Sindaco la mia delega alla sanità e quella da Vice Presidente del consiglio comunale; resto tuttavia al mio posto di consigliere per il rispetto che devo alle persone che mi hanno accordato la loro fiducia, eleggendomi. Da oggi in poi sarò una voce fuori dal coro, dirò sempre le cose come stanno e voterò secondo coscienza”.

In sostanza, un nuovo rompicapo per l’amministrazione comunale, che, dopo il caso Rea ed il passaggio dei Consiglieri Farina e Pontone all’opposizione, rende manifesta una nuova rottura. Artefice, questa volta, il Consigliere Comunale Dott. Serafini,  che ha reso pubblico un “malessere” che non è nato da poco, ma è maturato nel corso di questi mesi.

Mike Di Ruscio – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu