Sociale: dichiarazione del Consigliere delegato Pontone Gravaldi

In merito alla discussione avvenuta nel Consiglio Comunale del 28 settembre 2011 sul sociale, sento la necessità ed il dovere di intervenire, non avendone avuta la possibilità in quanto assente per motivi professionali. Ritengo che il settore del sociale per essere vincente deve essere dinamico, seguire ed accompagnare i movimenti della società. Un modello statico, fermo a vecchie logiche, miope al cambiamento è destinato a perdere. La risposta della politica sta nel sapere cogliere e capire le diversità dell’attuale società rispetto a quelle degli anni precedenti.

Senza dubbio la grave crisi economica ha prodotto da un lato nuove povertà e cambiato gli stili di vita di molte famiglie, dall’altro taglia risorse al welfare, riducendo la possibilità di intervento degli enti locali.

In questo scenario, quel che rischia di implodere è l’idea stessa di società a partire dai suoi meccanismi di protezione socio-sanitaria. L’attuale società sembra incapace di conciliare diritti e doveri, regole e libertà, sviluppo e sostegno sociale.

Quindi, come classe politica, abbiamo il dovere di individuare delle priorità e degli obiettivi e ritengo che le difficoltà di inserimento nel mondo lavorativo dei nostri giovani, la genitorialità, le problematiche derivanti da una maggiore longevità, la disabilità in tutti i suoi aspetti, una maggiore attenzione ai bambini che rappresentano il nostro futuro, l’abuso di sostanze stupefacenti ed alcolismo, la multietnicità, siano le sfide che un’amministrazione consapevole e lungimirante deve sapere affrontare, a prescindere che la persona incaricata abbia o meno la carica di assessore o delegato.

Sono convinto che solo un gioco di squadra, frutto della professionalità e delle competenze di tutti gli operatori del settore, possa dare le risposte giuste ai bisogni dei cittadini. Trovo, quindi, demagogica e poco costruttiva la disquisizione avvenuta nell’ultimo consiglio comunale da parte di alcuni colleghi della minoranza sulla mancata nomina assessorile delle politiche sociali. Mi sarei aspettato di contro un approfondimento ed eventuali contributi alle iniziative e progettualità nel sociale che il sindaco aveva citato nelle sue linee programmatiche.

Sono pienamente consapevole della responsabilità e della difficoltà nel portare a termine nel migliore dei modi il mandato assegnatomi ma allo stesso tempo sono fiducioso in un risultato positivo, forte dell’impegno, professionalità ed abnegazione degli operatori comunali del settore nonché della stima, fiducia e sostegno che il Sindaco, la Giunta ed i colleghi della maggioranza giornalmente mi dimostrano.

Comunicato del Comune di Sora

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Promozione valida fino al 22 Settembre 2020.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...

Nicola Guida debutta a Vallelunga sulla CUPRA della Scuderia del Girasole

L’imprenditore romano è un rookie del TCR Italy e dopo aver già disputato i primi tre round della stagione, gareggerà ...

CORONAVIRUS - La Lattoferrina può essere utile per la prevenzione del Covid

La Lattoferrina ha dato ottimi risultati contro il Covid: una portentosa scoperta frutto dell'egregio lavoro di squadra condotto dalle università ...

Cerchi un bed and breakfast a Roma centro? Te ne consigliamo uno veramente centrale

Scegliere il luogo del proprio pernottamento romano è facile o complicato, dipende dai punti di vista, perché l’assortimento è così vasto ...