SOCIALPOLITIK – Tiziano Rea: “Il Cinema deve e può tornare a Sora!”

Dunque, sembra essere opinione comune, a Sora, che tra le tante cose che mancano, manca un Cinema.
Non mi dilungo sui perché un investimento in tal senso è, ahimè, quantomeno improponibile (mancanza di investitori, infrastrutture, pubblico etc), tuttavia sono mesi che rifletto su una possibilità. Invece di un Multisala o un Cinema Teatro perché non provare a studiare la possibilità di una sala a misura d’uomo e, soprattutto, ecosostenibile (dove “eco” sta per “economicamente”)?

A Sora, come sappiamo, c’erano 5 sale cinematografiche (il Capitol, il Supercinema, il Liri, Il Corso e il Moderno), ma tolto il Capitol e il Supercinema le altre sale erano di ben minore entità. Ad esempio il Cinema “Corso” disponeva di una sala con circa 50 posti a sedere (mi si corregga se sbaglio). L’idea è quindi quella di creare una sala simile più ad un mix tra un cineclub ed un piccolo teatro sfruttando forze, risorse, eccellenze e appassionati del territorio.

Purtroppo il problema delle sale cinematografiche che, quasi giornalmente, chiudono è sentito in tutta Italia ma da questo fastidioso fenomeno se ne deducono anche conseguenze interessanti, ad esempio le poltroncine possono essere acquistate a prezzi molto, ma molto, bassi (quando non addirittura cedute gratuitamente) laddove vengono dismesse. Se fate un giro su internet troverete molti annunci in tal senso, certo ci sono le poltrone che costano anche oltre 100 euro l’una, ma con un po’ di attenzione troverete anche quelle da 15 euro l’una. Pensate, con un investimento di meno di 1000 euro (probabilmente meno, con un po’ di fortuna ZERO) si può senz’altro dotare una sala di almeno 50 posti a sedere (ma anche recentemente ho visto annunci del tipo “90 poltroncine a 800 euro”).

Per quanto concerne lo schermo: il Supercinema vantava uno schermo di circa 5 metri di larghezza, il Capitol superava i 15 metri (ma doveva soddisfare una platea di 1500 spettatori), una sala di 50/100 posti può essere molto ben soddisfatta da uno schermo di 3/4 metri di larghezza. Bene, si può ricorrere all’aiuto di specialisti di altri settori, come ho fatto di recente con lo schermo di 3 metri e 20 che ho fatto realizzare dalla tipografia Polygraph e costato così poco che mi vergogno quasi a dirlo (e infatti non lo dico ma vi basti sapere che è un investimento alla portata di chiunque, anche di un ragazzo di 15 anni).

Gli interventi in termini di acustica:
Premesso che nessuno vuol paragonarsi ad un ingegnere, architetto o altro e che, ovviamente, non si potrebbe ricorrere ad una consulenza specialistica (e relativa progettualità) bisogna comunque tener conto che degli interventi in questo senso vanno messi in preventivo e quindi va affrontato il costo dei materiali.
Per fare un esempio: un pannello fono assorbente può arrivare a costare anche 10/15 euro, tuttavia con un po’ di ingegno si può ottenere un risultato assolutamente soddisfacente (se non migliore) riciclando gli scarti delle spugne con cui vengono realizzati i materassi e noi, a Sora, abbiamo una industria, la Marcelliflex, che è un’eccellenza del settore che sono certo sarebbe ben lieta di mettere a disposizione i propri scarti per un’operazione simile: costo zero, qualità 100, efficienza 1000.

Non vado oltre ma comunque già con questi punti appare chiaro che l’operazione sarebbe possibile con un investimento davvero miserevole, prossimo allo zero se paragonato all’eventualità, comunque affascinante, di costruire o recuperare un cinema teatro con il rischio che poi sarebbe difficile anche riempirlo (visto che dubito sulle prime avrebbe un enorme afflusso di gente).

Quello che servirebbe è la struttura da adibire a piccola sala, nella quale si potrebbe prevedere anche uno spazio da poter essere utilizzato dalle compagnie teatrali locali ad esempio per le loro prove. Quindi il Comune dovrebbe fornire la struttura ed eventualmente un investimento che con tutta probabilità non supera i 3 zeri e poi una squadra di volontari del luogo (scelti NON a caso ma tra gli appassionati e i professionisti, mi vengono in mente persone come Federico Fred Mantova, Michele Saccucci, Attilio Facchini, mio fratello, io stesso e molti altri) dovrebbero lavorare alla realizzazione del progetto perché vedete, non basta prendere delle belle poltrone, una bella sala, metterci uno schermo e via, il cinema non va solo visto e sentito… va anche respirato.

Non fossilizzatevi in cavillosità burocratiche, ci sono passaggi che vanno approfonditi certo (ad esempio ovvio che dovrebbe essere una struttura gestita da un’associazione esterna e non dall’amministrazione comunale), concentratevi solo sull’idea pura. Avremmo l’opportunità concreta di creare una sinergia di intenti che coinvolgerebbe l’industria, la piccola media impresa, il professionista, l’esperto e l’appassionato tutti uniti dall’obiettivo dello sviluppo culturale e sociale della nostra città e tutto rigorosamente “Sorano”, sostenibile economicamente, un vero e proprio gioco di squadra unico nel suo genere che quindi potrebbe essere esportabile come storia di successo in altre città.

Partendo dal presupposto che sia possibile, vi piacerebbe che questa idea per una “Piccola Sala Cinematografica Eco Sostenibile” venisse realizzata?

Tiziano Rea

Clicca qui per seguirci su Telegram e ricevere sul tuo smartphone una notifica per ogni nuova notizia. Clicca qui sotto sul bottone "Mi piace" per seguirci su Facebook:
RIMANI SEMPRE AGGIORNATO

Per ricevere in tempo reale le notifiche su tutte le nostre notizie direttamente sul tuo smartphone.

I più letti di oggi:
3.290
SORA - Commissariato: ecco dove sorgerà la nuova sede
1
CRONACA

SORA - Commissariato: ecco dove sorgerà la nuova sede

Oggi lo stabile demaniale situato in via Emilio Zincone è stato ufficialmente consegnato alla Polizia.

3.185
SORA - Imbrattato con manifesti il cantiere della Scuola innovativa dell'architetto Renzo Piano
2
POLITICA

SORA - Imbrattato con manifesti il cantiere della Scuola innovativa dell'architetto Renzo Piano

Il Sindaco di Sora preannuncia denunce alle autorità competenti nei confronti dei responsabili di queste azioni contro l'immagine ed il decoro della Città.

1.526
ARPINO - Al Tulliano torna la Notte Nazionale del Liceo Classico
3
EVENTI

ARPINO - Al Tulliano torna la Notte Nazionale del Liceo Classico

Lo storico Convitto”Tulliano”, nato ufficialmente il 2 giugno 1814 ad opera di Gioacchino Murat, re delle Due Sicilie, per "conservare la memoria del più grande oratore latino... in quel luogo ove ebbe i suoi natali”, apre le sue porte oggi dalle 18:00 alle 24:00 per vivere insieme una magnifica serata.

I più letti della settimana:
26.656
Incidente mortale nel pomeriggio, muore 39enne
1
PROVINCIA

Incidente mortale nel pomeriggio, muore 39enne

Il tragico impatto verso le 17 di oggi. Nulla da fare per la vittima.

23.912
Omicidio Serena Mollicone: ultimo decisivo atto
2
Omicidio Mollicone

Omicidio Serena Mollicone: ultimo decisivo atto

Nell'udienza preliminare del 15 Gennaio il Gup deciderà se rinviare a giudizio i Mottola, il maresciallo Quatrale e l'appuntato Suprano. In aula non ci sarà "papà coraggio" Guglielmo, ricoverato da due mesi a Frosinone per un infarto.

12.117
È venuta a mancare la Prof.ssa Teresa Tatangelo
3
NECROLOGI

È venuta a mancare la Prof.ssa Teresa Tatangelo

Si è spenta ieri a Roma.

12.082
Un paio di scosse sismiche a distanza di 24 ore
4
PROVINCIA

Un paio di scosse sismiche a distanza di 24 ore

Tra la prima e la seconda sono trascorse 23 ore e 57 minuti.

10.570
Omicidio Serena Mollicone: si torna in aula il 7 Febbraio
5
CRONACA

Omicidio Serena Mollicone: si torna in aula il 7 Febbraio

Carabinieri, familiari di Serena e Santino Tuzi ammessi come parti civili. Ora via a una dettagliata analisi di tutti i documenti, prima della decisione sul rinvio a giudizio.

Video più visti:
POLITICA

SORA - Passi carrabili: il Sindaco riferisce alla cittadinanza

Roberto De Donatis: «Non si tratta di accertamenti che definiscono la situazione in modo tassativo. Le valutazioni saranno effettuate caso per caso».

POLITICA

SORA - Chiusura viale San Domenico, il Sindaco: «Lavori necessari, ci scusiamo per il disagio»

Le dichiarazioni di Roberto De Donatis sulla chiusura del tratto di viale San Domenico compreso tra Marco Polo e la Basilica.

POLITICA

Ecco come sarà il 2020 di Sora. Intervista di fine anno al Sindaco, Roberto De Donatis

Scuola Renzo Piano, ripresa dei lavori nell'ex Tomassi dopo 15 anni, illuminazione pubblica, strade, marciapiedi, ponti lamellari, pista ciclabile e nuova scuola a S. Rosalia: il Sindaco illustra le novità dell'anno che sta per iniziare.

PROVINCIA

«Vivi con pazienza, sii forte e credi in te stesso»: l'insegnamento di Ilaria

Centinaia di persone e grande commozione ai funerali della sfortunata ragazza 24enne vittima di un drammatico incidente stradale la sera della vigilia di Natale.

POLITICA

SORA - La Farmacia Comunale diventa dal 51% al 100% di proprietà del Comune

Stop alla partnership con il privato e via al modello gestionale "in house".