1’ di lettura

POLITICA

Sora, “Baratto amministrativo”: la mozione presentata dalla consigliera Cerqua

L'iniziativa prevede in buona sostanza una detassazione in favore dei cittadini.

«In questo primo anno tra gli scranni della minoranza ho cercato di portare avanti con convinzione quanto mi ero prefissa all’inizio della consiliatura: un’opposizione attenta e decisa ma anche costruttiva e propositiva nel perseguimento del bene comune  di Sora.

Ho portato avanti alcune battaglie, a volte con esito positivo altre no, e ho avanzato diverse proposte delle quali attendiamo la discussione in consiglio.

Una di queste è la mozione presentata,  insieme al collega dott. Conte, a favore dell’attuazione del “Baratto amministrativo” quale strumento di compensazione economica in favore di nuclei familiari che versano in condizione di disagio economico.

Il Consiglio ne approvò all’unanimità il regolamento nell’aprile del 2016, su impulso del dott. Belardinelli, già assessore ai Servizi Sociali, e del dott. Pontone, allora consigliere, ma poi non fu  mai attuato.

Avevamo inserito questo punto già nel programma elettorale più di un anno fa: un tema che, ritenuto importante allora, è divenuto oggi fondamentale affrontare. A causa della perdurante crisi economica, infatti, un numero sempre crescente di cittadini versa in condizioni ogni giorno più difficili e precarie, situazione che si ripercuote inevitabilmente anche sulla capacità di far fronte al pagamento dei tributi.

Ogni Amministrazione Pubblica ha il dovere e la responsabilità di individuare strumenti e modalità idonei a conciliare l’obbligo del pagamento dei tributi con le difficoltà economiche dei nuclei familiari in difficoltà.

L’istituto del Baratto Amministrativo, prevede una detassazione in favore dei cittadini che rispondono ai requisiti richiesti dal regolamento, impossibilitati ad assolvere al pagamento di determinati tributi, quale controprestazione dell’attività svolta nei settori e secondo le modalità previsti dalla legge. Gli interventi possono riguardare pulizia, manutenzione e abbellimento aree verdi, piazze, strade, valorizzazione di zone limitate del territorio.

Restiamo in attesa che la mozione venga discussa in Consiglio, con la speranza che possa trovare l’accordo del Sindaco e della sua maggioranza».