14 marzo 2012 redazione@sora24.it
LETTO 521 VOLTE

Sora Calcio: domenica al “Tomei” il Sora affronta il Progetto Sant’Elia

Continua l’astinenza da gol e da vittoria del Sora che strappa comunque un positivo punto dalla trasferta ostica di Arzachena ma, per la prima volta in stagione, piomba in zona playout. Un pari in terra sarda che lascia grande amaro in bocca per l’occasionissima del rigore avuto in avvio di gara e che Giannone si è fatto neutralizzare dal bravo Onesti e che poteva sicuramente cambiare l’inerzia dell’incontro.

Neanche dagli undici metri il Sora riesce a spezzare l’incantesimo del gol (nove partite senza gol e 900 minuti esatti di astinenza) ed inevitabilmente la posizione di classifica inizia a farsi pericolosa anche se i bianconeri hanno i mezzi e le possibilità per tirarsi fuori dalle sabbie mobili. Le dirette concorrenti stanno iniziando a cambiare marcia (vittorie per Anziolavinio e Monterotondo) ed i sorani sono chiamati a tornare subito alla vittoria. Il calendario offre a Lisi e compagni un’occasione che non può non essere sfruttata nel delicato match con il Progetto Sant’Elia.

Per l’occasione il Sora potrà anche contare, nuovamente, sull’apporto e sul calore dei propri tifosi dopo quasi due mesi (Sora-Fidene del 22 gennaio) e dopo due gare interne giocate a porte chiuse per decisione del Giudice Sportivo. E proprio i tifosi bianconeri possono e devono risultare determinanti in questa rincorsa alla salvezza diretta. Tra le mura amiche del Claudio Tomei i bianconeri ospiteranno domenica la compagine sarda, e nelle seguenti giornate il Bacoli, il Cynthia ed il Portotorres ed è proprio in questi incontri che la compagine volsca dovrà costruire il grosso dei 10/12 punti che dovrebbero servire per il raggiungimento della salvezza diretta. In questo momento di oggettiva difficoltà la spinta del pubblico bianconero può davvero fare la differenza in partite dove la posta in palio è alta ed il margine d’errore rasenta quasi lo zero. Altro fattore determinante ai fini del raggiungimento dell’importantissima salvezza è quello societario. Ad inizio settimana c’è stato l’incontro tra il presidente Paoloni, il sindaco Ernesto Tersigni ed alcuni imprenditori interessati al rafforzamento societario e, sicuramente, altri incontri si susseguiranno a breve giro di posta. Comprendendo i tempi tecnici che possano richiedere questi passaggi, tutti si auspicano che possa arrivare immediatamente un segnale forte e chiaro che possa restituire alla squadra ed alla tifoseria quella serenità minima per poter concludere con coesione e determinazione un campionato diventato negli ultimi mesi molto complicato.

Per l’incontro di domenica il tecnico beneventano Gigi Castiello dovrà fare a meno dello squalificato Giuseppe Bellucci, che era in diffida prima dell’espulsione con il Palestrina, e degli infortunati Carlo Baylon e Mario Sibilia. In settimana andranno valutate le condizioni di Francesco Di Pietro, assente in Costa Smeralda, e Ferdinando Campione che ha ripreso ad allenarsi dopo la lunga assenza. Nessun problema invece per l’attaccante Marco Parasmo, recuperato in extremis per la trasferta sarda anche se non in condizioni ottimali, ma che è rientrato in gruppo e sulle cui spalle graverà il peso maggiore dell’attacco bianconero mai così asfittico. Altra buona notizia in casa sorana è quella che riguarda Gianluca Brisciana. L’atleta, che era ricoverato in ospedale per alcuni problemi, è stato dimesso ed è potuto tornare a casa. A lui vanno i più sinceri auguri di pronta guarigione da parte di tutto l’ambiente sorano (squadra, società e tifosi) con l’augurio di rivederlo presto in campo.

httpv://www.youtube.com/watch?v=WVCB2mkaabM

PROSSIMI AVVERSARI
Il Progetto Sant’Elia è la squadra meno longeva dell’intero raggruppamento e, per la prima volta nella sua breve storia, partecipa al campionato di serie D. I cagliaritani occupano attualmente il terz’ultimo posto della graduatoria e cercano punti per evitare le ultime due posizioni che sancirebbero il ritorno immediato nel campionato di Eccellenza. Gli uomini di mister Mereu (terzo tecnico sulla panchina cagliaritana dopo Pani ed Affuso) sono reduci da una sofferta vittoria nel derby con il Selargius e si presentano al “Claudio Tomei” in buone condizioni e con la rosa al completo. I sardi sono squadra giovane ma annoverano tra le proprie fila giocatori di buona qualità. Tra tutti spicca l’attaccante Francesco Virdis, figlio dell’indimenticato bomber di Milan e Juventus Pietro Paolo, ed autore in campionato di 11 reti. Dopo un avvio di carriera promettente (giovanili Sampdoria e serie B con Cesena, Modena e Ravenna) alcuni anni opachi in Lega Pro lo hanno portato a misurarsi nella sua Sardegna con la maglia dei cagliaritani. Altri elementi importanti della compagine isolana sono i difensori Giuseppe Serao, imponente stopper con trascorsi nel Real Rimini, e Bruno Frongia, molto pericoloso sui calci piazzati, ma anche il centrocampista ex Nocerina e L’Aquila Francesco Giraldi ed il capitano Giuseppe Atzori.

Ufficio stampa ASD Ginnastica e Calcio Sora

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu