1’ di lettura

SORA – Contributi borse di studio A.S. 2018/2019, disponibili i pagamenti

Ecco come sapere con certezza se si è titolare di contributo.

Sono in pagamento, presso gli sportelli di Poste Italiane, i contributi per le borse di studio, a favore degli studenti delle scuole secondarie di II grado statali e paritarie, relativi all’anno scolastico 2018/2019.

Per sapere con certezza se si è titolare di contributo è possibile rivolgersi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico muniti di documento di riconoscimento valido. L’URP sito in Corso Volsci, 111, è aperto tutte le mattine dal lunedì al venerdì e nei pomeriggi di lunedì e giovedì.

Modalità di erogazione studenti beneficiari minorenni

Per gli studenti beneficiari minorenni è necessario che un genitore che esercita la responsabilità genitoriale o chi ne fa le veci, si rechi in Ufficio Postale munito:

  • dell’originale del proprio documento di identità in corso di validità, ciò per l’identificazione;
  • dell’originale del proprio codice fiscale;
  • dell’originale del documento di identità in corso di validità dello studente beneficiario della borsa di studio;
  • dell’originale del codice fiscale dello studente beneficiario della borsa di studio;
  • copia compilata della dichiarazione sostitutiva, pubblicata anche all’interno del Portale dello Studente: https://iostudio.pubblica.istruzione.it/documents/11039/21373349/Dichiarazione+per+minori.pdf/d0f93f18-e2fe-4fa0-8937-b16730d10ed2 da firmare esclusivamente davanti all’operatore dell’ufficio postale.

Previa esibizione a sportello dei suddetti documenti, il genitore che esercita la responsabilità genitoriale o chi ne fa le veci comunica all’operatore di sportello di dovere incassare un “Bonifico domiciliato” erogato dal MIUR.

La dichiarazione sostitutiva è necessaria per auto-dichiarare l’idoneità ad esercitare l’atto di riscossione della borsa di studio in qualità di soggetto esercente la responsabilità genitoriale.

SOLO PER I TUTORI/CURATORI: è necessario esibire a sportello il provvedimento di nomina dell’eventuale cutore/curatore, in copia autentica, per incasso richiesto da soggetto che esercita la rappresentanza legale, per verificare l’idoneità ad esercitare l’atto di riscossione della borsa di studio in qualità di soggetto esercente la rappresentanza legale.

Per gli studenti beneficiari maggiorenni, è sufficiente che il beneficiario si presenti in un qualsiasi Ufficio Postale munito di documento d’identità in corso di validità e del proprio codice fiscale, comunicando all’operatore di sportello di dovere incassare una borsa di studio erogata dal MIUR attraverso un “Bonifico domiciliato”. Non sono ammesse deleghe alla riscossione del contributo economico.

La borsa di studio potrà essere riscossa presso qualunque Ufficio Postale del territorio nazionale fino al giorno 31 dicembre 2019 durante i giorni di regolare apertura degli uffici postali

Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...

CORONAVIRUS - La Lattoferrina può essere utile per la prevenzione del Covid

La Lattoferrina ha dato ottimi risultati contro il Covid: una portentosa scoperta frutto dell'egregio lavoro di squadra condotto dalle università ...