SORA – Coronavirus: Rosario per i malati e per i deceduti. L’iniziativa di un gruppo di amici

"Una preghiera fa sempre bene".

Credo che tutti siamo turbati per quanto sta accadendo e lo scoramento è ancora più forte quando pensiamo alle morti senza conforto e ai seppellimenti senza il viatico di preghiere che per noi cristiani accompagnano le anime nell’ultimo viaggio e danno a chi resta la forza di andare avanti.

Abbiamo visto molte reazioni per vincere il pessimismo imperante ed esortare a comportamenti adeguati al momento, confortato da molti incoraggiamenti vorrei proporre una pratica edificante. A causa della virulenza del virus non è possibile riunirsi nelle sale liturgiche in cui con; la preghiera impetrare la remissione dei peccati e il conforto divino per coloro che sono colpiti dalla “Pestilenza dell’epoca della globalizzazione”, noi proponiamo che tutti i giorni alla stessa ora, tutti dai balconi e dalle finestre recitiamo insieme il Rosario per i malati e per i deceduti.

Vorremmo far si che un coro collettivo di preghiera alimenti la speranza con la fede. Certo i positivisti ci guarderanno come residuati del medioevo a questi fratelli rispondo come rispose una suora dell’Ospedale Gemelli al paziente che chiedeva perché con le pasticche lo esorta a recitare almeno un’Ave Maria :”cosa fanno le medicine non lo so ma so per certo che una preghiera fa sempre bene”.

Non ci sono regole , se va bene a tutti TUTTI I GIORNI ALLE ORE 11.00, se il tempo lo permette dai balconi e dalle finestre altrimenti dietro i vetri, si dice il Rosario , sperando che come dice il Poeta “ Piccola face gran fiamma secondi”

PACE E BENE
RODOLFO DAMIANI E AMICI
INFO 3388731081