lunedì 4 dicembre 2017 856 VISUALIZZAZIONI

SORA – Domenico Di Maio, “Ultimo dei Cittadini”, scrive a De Donatis

Nel testo si parla del “cattivo” ripristino dei lavori di scavo eseguiti per l’interramento e/o manutenzione di opere di sottoservizi.

In qualità di “Ultimo dei Cittadini” mi permetto, con questa lettera aperta, di condividere con Lei il tema “civico” della manutenzione del manto stradale a seguito di interventi eseguiti per l’erogazione di servizi pubblici o d’interessi privati. Come sappiamo, sono numerose e sempre più frequenti le testimonianze e le segnalazioni dei cittadini circa lo stato delle nostre strade definite “colabrodo” per il numero di buche presenti, pericolose pertanto per chi le percorre.

Ora un pensiero ha incominciato a non abbandonarmi ed è la convinzione che lo stato pietoso della maggior parte della nostra rete stradale – almeno per quelle principali – non è dovuto solo alla mancata manutenzione delle stesse ma è causato soprattutto dal “cattivo” ripristino dei lavori di scavo eseguiti per l’interramento e/o manutenzione di opere di sottoservizi, da parte delle varie Ditte esecutrici dei lavori.

Come possiamo notare se osserviamo attentamente le “ferite” che il manto stradale della nostra città riporta, appare evidente a tutti che a seguito degli scavi eseguiti, le ditte provvedono a sistemarli solo attraverso quello che viene definito ripristino provvisorio ossia riempimento dello stesso e chiusura con uno strato di conglomerato bituminoso. Manca, quasi sempre, invece il ripristino definitivo della pavimentazione da effettuarsi successivamente, una volta che gli assestamenti si sono manifestati e che, secondo quando stabilito dalla normativa in materia, prevede la riasfaltatura con tappeto d’usura su tutta la sezione.

Lavori così mal eseguiti, o come si vuol definirli non a regola d’arte, hanno ridotto strade da poco riasfaltate – un esempio su tutti, Viale San Domenico e Via Romana Selva – a vere e proprie trappole per automobilisti e pedoni, costretti a continue gincane per evitare rischi d’incidenti. Con il mancato ripristino definitivo, infatti, vengono a crearsi fessure tra vecchio e nuovo asfalto ma soprattutto, il suo abbassamento sulla sola traccia di scavo che
determina pericolosi dislivelli tali da far correre il rischio di caduta a ciclisti e motociclisti.

Per concludere, ritengo che lo stato delle nostre strade sarebbe maggiormente preservato se l’Amministrazione comunale fosse più attenta a controllare la modalità di esecuzione degli scavi stradali pretendendo, sempre, dalle Ditte esecutrici, il loro puntuale ripristino definitivo o nel caso del loro reiterato inadempimento ad adottare misure sanzionatorie tali da risarcire adeguatamente il danno cagionato. Chiamandoli, e sarebbe ora, a rispondere per i loro danni.

Tutto questo permetterebbe di allungare il ciclo di vita delle nostre strade ma soprattutto eviterebbe di scaricare su noi cittadini i costi di ripristino facendoli gravare sul “magro” Bilancio comunale e quindi sulle nostre tasse. Risorse che potrebbero essere destinate a finanziare altre priorità quali, scuola, servizi sociali, commercio, artigianato, se non dilapidate in assenza di controllo e vigilanza.

Vista l’attuale situazione economica che stiamo vivendo non possiamo più permetterci di continuare ad alimentare la cultura del “… tanto paga pantalone” ma compito preminente di chi amministra la res publica deve essere quello di alimentare sempre la legalità e il rispetto delle regole. Sono certo della Sua sensibilità e della sua capacità di ottenere dagli Uffici di competenza l’attenzione che merita quanto segnalato.

La ringrazio per la Sua attenzione e rispettosamente la saluto

In Fede
Domenico Di Maio

Iscriviti
Iscriviti
Toyota Aygo a 100 euro al mese!

PUBBLIREDAZIONALE - La vettura giusta al prezzo giusto. Ecco come e dove approfittare della promozione!

Sei in gravidanza? Ecco cinque preziosi consigli da seguire assolutamente

PUBBLIREDAZIONALE - La Dott.ssa Claudia Malerba, specialista in Ginecologia del CE.RI.M. di Sora, spiega l'iter da seguire per vivere serenamente questo magnifico periodo.

5.000 euro di incentivi per te, qualunque sia il tuo usato!

PUBBLIREDAZIONALE - Strepitosa iniziativa firmata Jolly Automobili, la concessionaria Peugeot per Frosinone e provincia. Ecco tutti i dettagli.

JOLLY RENT CAR: più di 300 vetture italiane ed estere per il tuo noleggio a lungo termine

PUBBLIREDAZIONALE - Una scelta così vasta non si è mai vista! Lucio Macci e Lorenzo Volpone spiegano tutti i dettagli di questa nuova magnifica iniziativa firmata Gruppo Jolly Automobili.

JOLLY AUTOMOBILI - Paghi subito la metà: € 23.650* con furto, incendio e manutenzione inclusi, e dopo due anni, senza rate né interessi, decidi se ...

I più letti di oggi
ANNA MARIA FORESTIERE
1

ANNA MARIA FORESTIERE - Il giorno 14 Novembre 2018, alle ore 23:28, è venuta a mancare all'affetto dei suoi cari, all'età di 68 anni, ANNA MARIA FORESTIERE. I funerali ...

Vedova e senza lavoro rischia lo sfratto
2

POLITICA - Mentre in città si registra l'arrivo di nuovi immigrati, per l'esattezza sette donne molte con figli a carico e che ...

Trasporto pubblico per gli studenti: la nota di CasaPound
3

POLITICA - CasaPound Italia, che tramite il suo movimento studentesco aveva già affrontato questa problematica, torna sull'argomento e tramite il responsabile cittadino ...

I più letti della settimana
SAN DOMENICO SORA
1

SAN DOMENICO SORA - Incidente oggi pomeriggio davanti alla Basilica di San Domenico Abate. Il rimorchio di un mezzo pesante si è ribaltato proprio davanti ...

DOMENICO TOLLIS
2

DOMENICO TOLLIS - La Procura di Cassino ha aperto un fascicolo per ricostruire la vicenda riguardante l'eredità dell'Ing. Domenico Tollis, scomparso nel Maggio ...

TOMMASO GROSSI
3

TOMMASO GROSSI - Il giorno 14 Novembre 2018, alle ore 8:30, è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari, all'età di 90 anni, presso la Clinica S. Raffaele ...

X