10 mesi fa redazione@sora24.it
LETTO 796 VOLTE

SORA – «È arreuate pure chist’anne Sant’Antone». Sorano non mancare! Il programma del 17 Gennaio e un po’ di storia

Martedì 17 gennaio 2017 si svolgerà, presso l’omonima chiesa posta alle pendici del Monte S.Casto, la tradizionalissima festa di Sant’Antonio Abate, Sant’Antone. Dall’alto il Santo domina e protegge i quartieri storici della città e Sora tutta. Nel mondo contadino è stata data sempre una grande importanza a questa ricorrenza annuale. All’alba del 17 i contadini preparavano gli animali e poi, quando era l’ora, li conducevano, in religioso silenzio e attraversando tutta la città all’Orto dei Padri Francescani/Orte Baronio/Piazza Mayer Ross per la benedizione del Loro Santo protettore.

Eremita, guaritore, anacoreta egiziano del V secolo dopo Cristo, S.Antone abbandonó i fasti di “quella” società per condurre una “nuova” Vita solitaria, nel deserto. Si dedicò all’Ascesi della sua Anima tramite la preghiera, la contemplazione e il contatto quotidiano con i “Suoi” Animali e grazie alla vicinanza assoluta e indissolubile  che nutriva verso Madre Terra. A lui tutti i malati del fuoco di Sant’Antonio, (Herpes Zoster) ed i devoti erano soliti chiedere la Grazia.

La caratteristica eremitica è stata rinverdita, nel corso dell’ultimo secolo, da nuovi personaggi eremitanti, che hanno vigilato e vigilano costantemente sul suo Eremo; l’abitazione si trova proprio dietro la “Nicchia” del Santo. L’interno della Chiesa, negli anni 80, ha “subito” un restauro aggressivo che ha prodotto la quasi cancellazione di tutto ciò che in essa era contenuto. (La Chiesa è risalente al tardo barocco e periodo neo-gotico). Per completare “l’opera” la chiesa è stata fatta oggetto di numerosi furti, atti vandalici e opere di sciacallaggio.

L’Associazione Verde Liri, congiuntamente al Comitato Promotore per il Restauro (Comitato Pro-Sant’Antone), negli ultimi anni ha preso a cuore il monumento di incommensurabile valore artistico e affettivo del Popolo Sorano/Sovrano. Inizialmente, fattivamente, si è impegnata nella bonifica dell’area. Ha ripulito la Chiesa, il piazzale e l’orto sottostante, diventato nel tempo una discarica a cielo aperto. (Sono stati raccolti circa 40 sacchi di immondizia, per non parlare di tutti i calcinacci che i “restauratori” hanno buttato nell’orto stesso, contaminandolo). Il passo successivo è stato la riattazione della funzionalità dell’edificio storico/religioso.

I tempi ora sono finalmente maturi per effettuare un restauro artistico di massimo livello.  È e sarà estremamente complesso, sia per lo stato di degrado in cui ci è stato consegnato ma anche per l’antichità e il valore della Chiesa. Ciò che è assolutamente certo è che ci sarà il massimo impegno da parte nostra affinché tutto vada come deve andare e soprattutto nel rispetto assoluto della chiesa. Grazie all’interessamento ed al lavoro instancabile ed inattaccabile di mons Don Bruno Antonellis ed al parere positivo della Curia e della diocesi della chiesa di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo è stato suggellato l’accordo per il Restauro. I lavori sono stati affidati alla ditta Zovini. che ha già restaurato la Madonna delle Grazie, sotto l’egidia della soprintendenza dei beni culturali di Roma.
Il fine ultimo dello stesso sarà quello di ridonare alla Chiesa la sua iniziale concezione artistica, non tralasciando nessun particolare affinchè questa possa finalmente riacquistare l’antico valore e la sua magnificienza.

Il programma dei festeggiamenti in onore del Santo si svolgerà nel seguente modo:

Lunedì 16 ore 15:30 Santa Messa

Martedì 17, Festa di S.Antone,
ore 9:30 Santa Messa
ore 10:30 e 15:30 Santa Messa,
al termine delle quali ci sarà, al di fuori della Chiesa, la tradizionale benedizione degli Animali.

Anche quest’anno sul piazzale antistante la chiesa ci sarà un banchetto che venderà i “Sciusce”, sarà possibile inoltre acquistare le campanelle benedette di S.Antone e il libro “Sant’Antone” dell’autore Sorano, Dott. Lucio Meglio, Presidente del CAI di Sora. Il libro, pagato dal CAI, è stato successivamente donato dall’autore al Comitato, in tutte le copie prodotte, per mano del suo Segretario Prof. Sandro Rapini.

Il Comitato anche quest’anno invita il popolo sorano a partecipare alla Festa. L’invito è rivolto in particolar modo ai bambini, ai giovani e agli animali, i “veri” grandi amici dell’Eremita, al fine di far conoscere e tramandare una tradizione millenaria, patrimonio di Sora, l’antichissima città Volsca. Ringraziamo tutti i sostenitori che hanno creduto in questa iniziativa e che, presenziando alla Cena dello Scarpone dello scorso anno, mediante sottoscrizioni spontanee, con i salvadanai, o comperando le campanelle e/o il libro hanno fatto sentire la loro vicinanza al Comitato. Infine, ringraziamo anticipatamente tutti coloro che non faranno mancare il loro apporto nei giorni a venire. Grazie, grazie e ancora grazie… W S. Antone.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu