SORA – Il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” vince l’International Zero Hackathon 2019

Ennesimo successo della scuola sorana, che stavolta ha rappresentato egregiamente addirittura l'intera regione Lazio nella prestigiosa competizione giovanile internazionale.

In un incantevole Palazzo Venezia, dal 2 al 4 ottobre 2019, si è tenuto lo #Zero Hackathon 2019, competizione giovanile internazionale dedicata alla tutela degli Oceani e delle Regioni Polari, promossa dal Ministero dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università in collaborazione la SIOI (Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale), l’Ambasciata degli Stati Uniti e l’Ambasciata della Norvegia.

La cerimonia di apertura, iniziata con il flash mob Change your mind climate will follow, è stata presieduta dal Presidente del SIOI, Franco Frattini, dal Ministro della Pubblica Istruzione Università e Ricerca, Lorenzo Fioramonti e dal Direttore Generale per l’Innovazione Digitale, Simona Montesarchio.

Gli 80 studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e gli 80 universitari, divisi in 20 team e guidati dai mentori delle associazioni di studenti Way Youth (World Assembly of Youth) e MSIOI (Movimento studentesco per l’organizzazione internazionale), si sono sfidati in una maratona progettuale in lingua inglese. Carbone Benedetta, Ferri Fabrizio, Palmieri Martina e Silvestri Alessio, accompagnati dalla loro prof.ssa Bianchi Angela, sono i quattro studenti del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Sora che hanno rappresentato la Regione Lazio.

Una prestigiosa giuria di livello internazionale composta, tra gli altri, dai rappresentanti delle Ambasciate di America e Norvegia, ha decretato, quali vincitori, la studentessa Palmieri Martina e il suo Team “Save the Saveable”. Il loro sketch che invita all’azione per tutelare la nostra terra, li porterà fino al Polo Nord in Norvegia, nella città di Boda.

La Dirigente, Orietta Palombo, orgogliosa del risultato, che bissa il successo dello scorso anno degli alunni REA Bruna e IANNI Angelo, nel ringraziare la docente Angela Bianchi, Animatore Digitale di Istituto, per la passione con cui segue queste attività, sostiene che “ZERO é il punto di partenza da cui costruire un contesto innovativo che porti idee e soluzioni concrete, ma creative per affrontare i problemi posti dalla Green Generation, i Young Changemakers per l’Europa del futuro.

Il ruolo dei ragazzi dei oggi (cioè di coloro che assumeranno decisioni nel futuro) sarà sempre più determinante nella scelta del modello di sostenibilità che sceglieremo di adottare. Un plauso sincero ai nostri ragazzi e alle nostre ragazze che, ancora una volta, hanno dimostrato quanto siano capaci di mettersi in gioco, di lavorare in team, di apportare il loro contributo di idee e soluzioni”.

SPONSOR

L'apertura fino alle 22 del supermercato situato a San Giuliano è già attiva.