37" di lettura

SORA – Il Torrione e 360° insieme per ridare dignità alla via Crucis di via Ravo, voluta da Peppino Barone

Il conosciutissimo ottico e fotografo sorano era molto legato all'opera. Stazione per stazione, la via Crucis si estende per tutta la strada situata alle spalle della Cattedrale.

Le associazioni culturali “Il Torrione” e “360°”, patrocinati dal Comune di Sora e dal Vescovo Gerardo Antonazzo, a breve inizieranno i lavori di sfalcio erbacce e taglio rovi lungo via Ravo, ed in particolar modo attorno alle stazioni della via Crucis che il compianto Peppino Barone (scomparso nell’estate del 2008) ha voluto donare alla città di Sora, in modo da ridare dignità a questa opera che è stata progettata dall’arch. Fantozzi Maurizio e realizzata dallo scultore Gismondi Federico nel 2000.

Per quanti, associazioni e/o singoli cittadini, volessero condividere l’iniziativa basta contattare oppure Gianni Di Pede.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
MAMA h24

MAMA H24 è il servizio di assistenza familiare che ha come obiettivo quello di migliorare la qualità della vita di persone non più autosufficienti e delle loro famiglie, offrendo loro un supporto adeguato, qualificato e affidabile.

MESSAGGIO PROMOZIONALE

Promozione valida dal 26 Novembre al 02 Dicembre 2020 in tutti i punti vendita della catena.

Lattoferrina Covid

Lattoferrina e Covid: serve o non serve per prevenire il Coronavirus? Facciamo chiarezza

Lattoferrina Covid: chissà quante persone nelle ultime settimane hanno digitato queste due parole su Google per capire qualcosa in più ...

saturimetro

Saturimetro: perché è utile averlo in casa?

Saturimetro: cos'è, a cosa serve, come si usa e come si legge.

Apple iPhone 12

Apple iPhone 12 già a prezzo scontato su Amazon

Apple iPhone 12 è uno degli smartphone iOS più avanzati e completi che ci siano in circolazione.

PlayStation 5

PlayStation 5: vista e sparita in quattro e quattro otto. Mistero della fede...

Davvero incredibile ciò che è accaduto qualche giorno fa. Sono tantissimi quelli rimasti con un enorme punto interrogativo sopra i capelli.