Sora: la Diocesi accoglie l’appello di Papa Francesco e apre le parrocchie ai migranti

“Ogni parrocchia, ogni comunità religiosa, ogni monastero, ogni santuario d’Europa ospiti una famiglia”: l’ appello profetico di papa Francesco non lascia indifferente la Chiesa di Sora, Cassino, Aquino e Pontecorvo. Che è chiamata a prendere coraggiosamente coscienza del fenomeno della mobilità umana, che coinvolge soprattutto i poveri,in fuga da situazioni drammatiche e disumane del proprio Paese d’origine, in un momento difficile di crisi socio-economica anche dell’Italia.

In risposta a tale appello la nostra Diocesi vuole impegnarsi a realizzare un nuovo progetto di accoglienza. E’ così che nasce il progetto M.A.P., Migranti Accolti in Parrocchia, rivolto a stranieri richiedenti protezione internazionale, attraverso interventi integrati e di cittadinanza. La Caritas e la Fondazione Migrantes diocesane si stanno facendo carico di avviare il progetto MAP, in sinergia con alcuni parroci che aderiscono all’invito del Papa, aprendo le porte delle parrocchie, come segno dello Spirito e occasione di testimonianza ecclesiale verso tutti i fratelli e sorelle migranti.

Abbiamo chiesto a don Akuino Toma Teofilo, direttore della Caritas e della Fondazione Migrantes diocesane, di spiegarci qualcosa a proposito di questo nuovo progetto. Abbiamo chiesto a don di illustrarci cosa sia il Progetto M.A.P., che finalità abbia e quali obiettivi si prefigge. “Il progetto Migranti Accolti in Parrocchia (M.A.P.) vuole innanzi tutto essere un agire ecclesiale nei confronti dei migranti, attraverso la testimonianza, la prossimità e la partecipazione attiva delle nostre Chiese, in una audace corresponsabilità territoriale. La finalità del progetto è la promozione di una nuova cultura di “Umanesimo”, dove tutti gli uomini possano amarsi e condividere quel tanto o poco, per ridare a tutti la giusta dignità e la dovuta libertà.

Possiamo dire che l’obiettivo principale del Progetto è l’accoglienza, finalizzata all’integrazione e all’inserimento socio-culturale dei migranti, attraverso una decisa collaborazione della Caritas e della Fondazione Migrantes Diocesana, già attive nell’accoglienza, nel supporto e nell’orientamento del rifugiato, con le Zone Pastorali, le Unità pastorali, le parrocchie, secondo le possibilità di ciascuno. Il programma di intervento presuppone anche la collaborazione con le istituzioni e i servizi del territorio:Ministero dell’Interno, Prefettura, Comuni, Scuole, ASL, attività commerciali,volontariato ecc.”.

Don Akuino ha ancora spiegato a quale tipologia di migranti si rivolge il progetto M.A.P..”Ricordiamo anzitutto le parole di papa Francesco, che a proposito dei migranti qualche giorno fa ha detto: “Non dobbiamo lasciarci spaventare dal loro numero, ma piuttosto vederle come persone, guardando i loro volti, ascoltando le loro storie, tentando di rispondere meglio che possiamo, alle loro situazioni”.

Le persone a cui ci rivolgiamo sono migranti inseriti in un progetto già predisposto, o anche migranti non inseriti in un progetto, o nuclei familiari che non usufruiscono di nessuna assistenza. Non possiamo nascondere la complessità e l’evoluzione continua del fenomeno “migrazione” che nel tempo ha subito molti cambiamenti, dall’emergenza del 2011,chiusa nel 2013, alle diverse modalità di accoglienza predisposte dal governo fino ad oggi; di conseguenza è necessario individuare e favorire l’inserimento di tutti secondo la situazione particolare di ciascun”.

Ma non sarà facile per le parrocchie affrontare le difficoltà di ordine burocratico, amministrativo, sanitario, in un’accoglienza che si profila complessa già dal suo avvio. Che cosa richiede questo progetto e come si può attuare in concreto? “La necessità di coordinamento e accompagnamento tra diocesi e soggetti disponibili all’ospitalità,ha ancora aggiunto don Akuino, prevede di concordare le modalità di accoglienza di volta in volta, a seconda delle diverse situazioni: assistenza e consulenza per le pratiche burocratiche,richiesta di permesso di soggiorno, rinnovi, ricorsi, residenza, carta d’identità ecc., rapporti con i servizi sanitari e scelta del medico; attivazione di corsi di alfabetizzazione e potenziamento della lingua italiana; orientamento verso le istituzioni e associazioni e i servizi, attivi sul territorio; accompagnamento all’integrazione sociale e economica; supporto nella ricerca lavorativa e tanto altro ancora.

Per questo un’equipe della Caritas e della Fondazione Migrantes diocesane, grazie all’esperienza maturata in questi anni, sono disponibili per il coordinamento e l’ accompagnamento delle singole situazioni, in ogni percorso parrocchiale. Pensiamo, ha concluso don Akuino, anche a breve alla diffusione di un piccolo “Vademecum”, che potrà essere di aiuto per seguire i passi da compiere per l’ospitalità e l’orientamento dei nostri fratelli migranti”.
Che dire di questo progetto? Si tratterà davvero di rimboccarsi le maniche e lavorare su noi stessi anzitutto, ricordando, con le parole di papa Francesco che “Misericordia è il secondo nome dell’Amore”.

Gianni Fabrizio

I più letti di oggi:
9.135
COMUNICAZIONE ASTRAL ore 7:20: Strada per Forca d'Acero interrotta per incendio
1
EXTRA

COMUNICAZIONE ASTRAL ore 7:20: Strada per Forca d'Acero interrotta per incendio

Riceviamo e pubblichiamo - «AGGIORNAMENTO TRAFFICO TEMPO REALE ORE 7:20: La SR509 Forca D'Acero resta ancora chiusa per incendio tra il ...

4.634
È venuta a mancare Maria Petricca
2
NECROLOGI

È venuta a mancare Maria Petricca

Il giorno 17 Agosto 2019, alle ore 12:15, è venuta a mancare all'affetto dei suoi cari, all'età di anni 89, Maria Petricca (vedova Alonzi). I ...

4.599
SORA - Il consigliere D'Orazio invita il Comune ad aderire ai bandi Anci
3
POLITICA

SORA - Il consigliere D'Orazio invita il Comune ad aderire ai bandi Anci

Due opportunità offerte dall'Anci per valorizzare e sponsorizzare le tipicità e peculiarità di piccoli e grandi Comuni. Sul sito dell'Associazione ...

I più letti della settimana:
78.757
SORA - Tragico incidente stradale, muore ragazza giovanissima
1
CRONACA

SORA - Tragico incidente stradale, muore ragazza giovanissima

Terribile incidente stradale nella notte in zona Vuotti, sulla strada che da Arpino conduce a Carnello. Uno solo il veicolo ...

45.507
SORA - Profughi: le parole pronunciate in piazza San Rocco da Don Donato Piacentini [ VIDEO ]
2
Profughi

SORA - Profughi: le parole pronunciate in piazza San Rocco da Don Donato Piacentini [ VIDEO ]

Durante i festeggiamenti in onore di San Rocco, dal pulpito allestito in piazza a Sora, Don Donato Piacentini si è scagliato ...

45.045
Tragedia nella notte: Sora sotto shock
3
CRONACA

Tragedia nella notte: Sora sotto shock

Le imminenti tradizionali festività dell'Assunta e di San Rocco in programma a Sora sono passate inesorabilmente in secondo piano dopo ...

Roma

A pochi passi dal Vaticano abbiamo scoperto un luogo che tratta la clientela con una cura eccezionale: The Center of Rome Bed and Breakfast.

SPONSOR

Lo spider più venduto al mondo compie 30 anni. Vieni a provare la vettura oggi stesso da Jolly Auto, concessionaria Mazda per Frosinone e provincia.

SPONSOR

Da oggi presso Jolly Rent Frosinone è disponibile anche sui veicoli commerciali FCA.

Land Rover

Non si tratta di un semplice restyling quello che caratterizza la Land Rover Discovery Sport 2020 in uscita il prossimo autunno.