4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 2.435 VOLTE

Sora: l’addio al Senatore Senese

Si sono svolti oggi pomeriggio nella Cattedrale di S.Maria Assunta in Sora i funerali di Ignazio Vincenzo Senese, storico uomo politico sorano, sindaco di Sora dal 1965 al 1968 ma soprattutto senatore della Repubblica per quattro legislature, dal 1968 al 1983. Senese fu anche sottosegretario di Stato al commercio estero nei governi Moro IV e Moro V e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri (interventi nel Mezzogiorno) nei governi Andreotti III e Andreotti IV.

funerali-senese-3

“A lui sono legate tutte le grandi opere pubbliche realizzate a Sora dal dopoguerra ad oggi: le superstrade, il nuovo ospedale SS.Trinità a San Marciano, la caserma militare, la facoltà di Medicina (poi purtroppo perduta ndr), ogni cosa, ogni avvenimento che ha segnato lo sviluppo di questa città porta la sua firma”. Questa la sintesi delle parole di Mons. Alfredo Di Stefano nell’omelia funebre.

funerali-senese

“Di Ignazio Vincenzo – ha continuato il parroco della Cattedrale di Sora – ci mancherà la tenace azione di coinvolgimento dei giovani della città e del territorio nell’attivismo politico, visto come impegno costante per il bene comune. Ma soprattutto, la sua intelligenza politica alimentata da una costante capacità di autocritica”. Un aspetto, quest’ultimo, rivelatosi certamente decisivo per il conseguimento di tanti suoi risultati che, sommati tutti insieme, delineano il curriculum di una figura che ha contribuito fattivamente alla crescita del territorio.

funerali-senese-1

L’opera, anzi, le opere del Senatore Senese possono essere giudicate sia soggettivamente (alias politicamente) oppure oggettivamente, non fa alcuna differenza. Quel che conta davvero è che possono essere giudicate perché ci sono state e, in molti casi, ci sono ancora.

funerali-senese-2

Dell’eredità politica di questo nostro illustre concittadino, invece, non si può ancora parlare perché a tutt’oggi non è stata raccolta, un po’ perché i giovani non vengono più coinvolti nell’amministrazione della cosa pubblica come un tempo, un po’ perché Sora non è più capace di coalizzarsi per eleggere un suo rappresentante nei palazzi che contano, un po’ perché i numeri del Senatore sono difficili da eguagliare, difficilissimi se si pensa al periodo che inizia dalla sua uscita di scena, avvenuta nel 1983, quasi in concomitanza con l’inaugurazione del grandioso Stadio Polisportivo Trecce, fino ai giorni nostri.

funerali-senese-6

Tuttavia, finché non ci saranno eredi, un confronto tra la sua opera e quella dei successori non si potrà mai fare. Continuando di questo passo, alimentando quell’orgoglio personale che da troppo tempo oramai pone il Bene di Sora sempre in secondo piano, saremo destinati a ricordare mallinconicamente l’azione politica di Senese per tanti anni ancora, forse con suo grande disappunto.

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu