SORA – L’efferato omicidio di Gilberta Palleschi in un drammatico video

In questo drammatico video realizzato dalla famiglia Palleschi, viene raccontato l'efferato omicidio di Gilberta, docente d'inglese sorana uccisa in modo efferato il 1 Novembre 2014 a Broccostella

«Solo vedendo queste immagini – hanno dichiarato i familiari della donna a ilmessaggero.it – si potrà prendere piena coscienza della sofferenza patita da Gilberta».

L’OMICIDIO – La mattina del 1° Novembre 2014, Gilberta Palleschi esce dalla sua abitazione in via San Giuliano Sura per fare una passeggiata. Poco dopo raggiunge San Martino, località situata alla periferia di Broccostella, dove trovò il suo assassino, Antonio Palleschi.

Gilberta, come si legge nel post allegato al video pubblicato su Youtube «viene barbaramente uccisa dopo un tentativo di stupro. Il suo assassino, il mostro del Fibreno, dopo aver massacrato a colpi di pietra la povera donna, abusa del suo cadavere».

Giovedì 26 gennaio, a Roma, i giudici si pronunceranno sull’infermità mentale di Antonio Palleschi, riscontrata da una perizia svolta nei mesi scorsi. Per la famiglia Palleschi, come riportato da ilmessaggero.it, l’assassino «è capace di intendere e di volere», una conclusione condivisa anche dal professor Alessandro Meluzzi, consulente della famiglia di Gilberta.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
NECROLOGI

Ci ha lasciato l'Ing. Antonio Accettola

Si è spento a Sora presso l'Ospedale SS. Trinità.

NECROLOGI

Ci ha lasciato il Dott. Luciano Simoncelli

Si è spento a Roma. Funerali domani a Santa Restituta.

SPORT

VOLLEY - A Broccostella la regia è nelle mani di Tommaso D'Agostino

Palleggiatore Classe '82, Tommaso nasce pallavolisticamente in quel di Sant'Elia all'età di 17 anni,e subito si ritrova in prima squadra ...

SPORT

SORA - #CuoreFedePassione, 1000 voucher per i bambini della Diocesi

L’Argos Volley emetterà un totale di 1.000 voucher ognuno dei quali consentirà a un bambino/a o ragazzo/a di ...

SPORT

CALCIO - Il Sora conferma Ivan Orientale Caputo

Il difensore centrale classe 1994 è già dallo scorso campionato un importante tassello della rosa bianconera.