1’ di lettura

SORA – Monte Sant’Angelo: tristezza e senso di impotenza per lo scempio in atto

I veri Sorani non si permetterebbero mai di torcere un solo filo d'erba alle loro montagne, né di deturpare il territorio cittadino o il Liri con immondizia e quant'altro.

Chi è passato almeno una volta nella vita per Sora, sarà rimasto certamente colpito da questa graziosa cittadina, abbracciata da un fiume di colore verde smeraldo (quando non c’è siccità) e circondata da splendide montagne.

Pittori, musicisti e poeti, più o meno famosi, ne dipingono, ne cantano e ne descrivono le bellezze da secoli: soltanto qualche mese fa, a Copenhagen, è stata inaugurata una mostra dedicata ai quadri realizzati proprio nella valle sorana da artisti danesi e norvegesi verso la fine dell’800, ai tempi in cui la città volsca era uno dei cinque capoluoghi della Provincia di Terra di Lavoro, insieme a Caserta, Gaeta, Capua e Piedimonte d’Alife.

Sora è bella e noi sorani lo sappiamo: per questo ci arrabbiamo molto quando la vediamo sporca, abbandonata, oltraggiata. Ma se cartacce buttate per strada e parchi distrutti suscitano principalmente rabbia, la sensazione che proviamo guardando la nostra montagna che brucia è diversa: quelle fiamme fanno male al cuore, fanno venire da piangere. I veri Sorani non si permetterebbero mai di torcere un solo filo d’erba alle loro montagne, né di deturpare il territorio cittadino o il Liri con immondizia e quant’altro.

Guardando quel fuoco e ripensando anche tutto il resto, ci sentiamo tristi e impotenti, nonché consapevoli di un fatto difficile da accettare, ovvero che tra di noi ci sono persone molto cattive e capaci di compiere una delle più grandi infamità: fare del male alla Natura.

Non ci sono ragioni, non ci sono perché: non si fa e basta. E chi lo fa non è uno di noi, non è degno di essere nostro amico, nostro fratello, nostro concittadino.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

4 Ristoranti di Alessandro Borghese a Frosinone. Quali saranno i locali partecipanti alla trasmissione?

Alessandro Borghese è stato avvistato stamani a Frosinone con il suo Peugeot Traveller.

Bando di concorso in Banca d'Italia: requisiti, prove e come partecipare

Banca d'Italia seleziona 30 laureati in ingegneria e statistica per assunzioni a tempo indeterminato. Candidature online entro il 27 ottobre.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...