SORA – MP D’Orazio: «L’emergenza Coronavirus va affrontata e risolta tutti insieme, a prescindere dai colori politici»

«Sono Sorana, amo la mia città, rispetto i miei concittadini e le diverse convinzioni politiche».

I provvedimenti adottati ieri dal premier Conte e dal Governo, anche con il pieno coinvolgimento dell’Anci, danno il giusto riconoscimento al ruolo determinante dei Sindaci italiani, dei Comuni e di tutte le Amministrazioni locali, di ogni parte d’Italia. Si tratta di 4,7 miliardi di euro, una grandissima boccata d’ossigeno per i territori, composta di due parti: un Dpcm che anticipa 4,3 miliardi di euro al Fondo di solidarietà comunale, di una Ordinanza di Protezione civile che stanzia immediatamente altri 400milioni di euro, fondi vincolati ad aiutare i cittadini che si trovano in difficoltà a fare la spesa. Sono strumenti concreti e veloci da utilizzare subito, già da lunedì, per fronteggiare l’emergenza .

Esprimo un ringraziamento particolare al Presidente dell’Anci nazionale Antonio Decaro per questo risultato. Da quando è stato eletto alla guida dei Comuni italiani, ha portato all’attenzione della politica nazionale l’importanza dei Sindaci e delle Amministrazioni locali. Infatti, con la nota Anci del 20 marzo scorso, Decaro sottolineava il bisogno da parte dei Comuni di una immediata iniezione di risorse finanziarie per far fronte al fabbisogno immediato dei cittadini più indigenti, messi in ginocchio dall’epidemia. Adesso toccherà ai Comuni attivarsi immediatamente, attraverso la reti sociali e il terzo settore, per garantire risposte concrete alle tante famiglie che stanno subendo un ulteriore impoverimento e la crescita delle diseguaglianze.

Tutta l’amministrazione Comunale di Sora, a mio avviso, senza distinzioni tra maggioranza e opposizione, deve essere pronta a cogliere l’opportunità che arriva dal Governo nazionale, e dare un supporto concreto ai nostri concittadini. L’emergenza va affrontata e risolta tutti insieme, a prescindere dai colori politici. Sin da ora mi dichiaro disponibile, come consigliere comunale di Sora e nel ruolo istituzionale di Consigliere nazionale Anci, ad aiutare la macchina amministrativa ad accelerare al massimo per risolvere i problemi della nostra comunità. Sono Sorana, amo la mia città, rispetto i miei concittadini e le diverse convinzioni politiche.

Ma questo momento grave richiede unità e responsabilità di tutti, non argomenti pretestuosi che servono solo a intralciare l’azione del Comune; non serve la sterile critica che punta solo alla visibilità mediatica, inseguendo l’esempio sui social di alcuni referenti politici nazionali. Ci dobbiamo quindi attivare, tutti e subito, per dare seguito ai provvedimenti emanati ieri. Nessuno resterà solo hanno detto il Presidente del Consiglio e il Presidente quello dell’Anci, Spetta ora alla politica e all’Amministrazione di Sora, a noi tutti, trasformare le risorse nazionali in aiuti alle famiglie e alla fasce deboli