40" di lettura

SORA – ‘Ndrangheta e Casamonica: confiscati beni per 30 milioni

Nel mirino della Questura di Roma, auto di lusso, soldi, immobili e anche società, una delle quali ha sede nella città volsca.

La Divisione Anticrimine della Questura di Roma ha confiscato una serie di beni (immobili, bar, ristoranti, auto di lusso, preziosi, società e denaro in contanti) riconducibili, stando alle accuse, a pericolosi esponenti ritenuti organici a cosche di ‘ndrangheta ed appartenenti alla famiglia dei Casamonica.

Il sequestro degli stessi beni era avvenuto nel Maggio del 2017. Ieri, invece, è stata la volta la maxi confisca, portata a termine dagli stessi poliziotti dell’Anticrimine romana in esecuzione ai decreti emessi dal Tribunale Sezione Misure di Prevenzione di Roma.

Nell’operazione, denominata “All’ombra del Cupolone”, figura anche Sora: tra le 21 società e imprese individuali confiscate, difatti, una ha sede proprio nella città volsca, mentre le altre si trovano a Roma, Milano, Avellino, Caserta e Benevento.