1’ di lettura

POLITICA

SORA – Ordinanza chiusura notturna locali, Mosticone (GN) contrario: «Basta coprifuoco»

Il Presidente Gioventù Nazionale Sora: «Facciamo lavorare liberamente i nostri imprenditori».

«Lo scorso 9 Luglio il Sindaco di Sora ha disposto un’ordinanza che obbliga la chiusura anticipata alle ore 1:00 di tutti gli esercizi per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande nelle giornate infrasettimanali e alle 2:00 di Venerdì e Sabato, pena una multa che può ammontare fino a 500 euro per i trasgressori.

Quella di baristi, ristoratori e albergatori rappresenta una delle categorie che più è stata colpita dalla pandemia, più volte costretti prima ad affrontare ingenti spese per adeguarsi alle normative di sicurezza per poi improvvisamente essere obbligati a rimanere chiusi e ricevendo poco e niente come aiuti dallo Stato.

Adesso che, anche se con mesi di ritardo, il governo ci ha dispensati dalla insensata misura del coprifuoco, che in Italia non si vedeva dai tempi della guerra, e che gli imprenditori stanno tornando finalmente a operare in un regime di quasi normalità (pur pendendo su di loro la raccapricciante minaccia dell’obbligo di green pass alla francese) a Sora si fa inspiegabilmente marcia indietro e si torna a negare loro il diritto a lavorare liberamente. Abbiamo già avuto la prova che le chiusure anticipate e i “tana libera tutti” sono uno strumento controproducente e inutile al contenimento della pandemia, motivazione citata nelle premesse dell’ordinanza, e che se a Sora esiste un problema di gestione della movida (quando c’è) la colpa non sia da scaricare su baristi e ristoratori che, al contrario, oltre a produrre lavoro rappresentano l’unica fonte di interesse per i giovani in una città che non offre i giusti spazi di aggregazione e eventi per i ragazzi, che di conseguenza o scelgono di uscire nei comuni limitrofi o si asserragliano nei vicoli, perché non hanno altri posti in cui andare.

Noi di Gioventù Nazionale pensiamo che sia i giovani che gli imprenditori Sorani meritino una città da vivere liberamente, che sia attrattiva, che offra a loro sano divertimento, opportunità di lavoro e che si presenti pulita agli occhi di chi la visita, non un tetro deserto in cui vigono disposizioni Orwelliane, e continueremo le battaglie al fianco del nostro leader Giorgia Meloni in difesa dell’Italia che lavora in sicurezza. Stiamo percorrendo insieme la strada per uscire dalla crisi, e ciò che dobbiamo dare a Sora non è la paura, bensì linfa nuova e progetti per far finalmente risorgere la nostra splendida città».

Comunicato stampa a firma di Filippo Mosticone, Presidente Gioventù Nazionale Sora

Per approfondire cerca anche: Sora Ordinanza Mosticone Basta

1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Tom
4 mesi fa

Cari signori il problema non sta nell’orario di chiusura ma nell’educazione inesistente di molti avventori. Questo problema persiste anche alle ore 20 alle 21 alle 22 ecc… Inoltre Sora (e non solo), grazie alle ristrettezze economiche ed ai tagli da parte del governo centrale che generano difficoltà nell’assumere vigili urbani, nel pagare straordinari notturni e la stessa cosa dicasi anche per gli altri corpi di polizia, è priva di controlli e se qualcuno chiama i Carabinieri magari la pattuglia che deve intervenire in quel momento è a Pontecorvo o chissà dove e quindi mentre che arriva sul posto……. per cui… Leggi tutto »