55" di lettura

SORA – Paura al Serapide, ma questa volta è andata bene. Ora la messa in sicurezza

I lampeggianti accesi nei pressi della struttura hanno fatto subito pensare al peggio.

Attimi di paura ieri sera presso quello che doveva diventare il “Centro Serapide”, l’enorme struttura con due torri la cui progettazione fu approvata alla metà degli anni ’90, e la cui costruzione iniziò nel 2002 per interrompersi nel 2005. L’enorme edificio, a partire dall’Ottobre 2012 è stato, purtroppo, anche teatro di alcune morti che hanno scosso l’opinione pubblica, in quanto si è trattato di vittime molto giovani.

Ecco perché, ogni volta che si notano dei lampeggianti nei pressi dello stabile si immagina immediatamente il peggio. Ieri sera, fortunatamente, non è accaduto ciò che si pensava. Un uomo, localizzato nei pressi della struttura, è stato intercettato da una pattuglia del commissariato sorano. Gli agenti hann0 provveduto a tranquillizzarlo e poi ad affidarlo alle cure dei sanitari del 118, intervenuti sul posto con ambulanza e auto medica.

Non è accaduto nulla di irrecuperabile, ma ancora una volta è arrivato un segnale chiaro: la grande struttura, situata tra via Ferri, via Città di Castello e via Buozzi, nonché privata, va messa immediatamente in sicurezza e resa inaccessibile. I lavori dovrebbero cominciare a breve, anticipando la totale ripresa del cantiere dopo 15 anni. Facciamo presto.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti