11 mesi fa redazione@sora24.it
LETTO 1.038 VOLTE

SORA – Quando l’artigianato diventa arte: Mostra del Maestro Giuseppe De Donatis

Tappa caldamente consigliata, a chi visita, in questi giorni di festa, la città volsca di Sora, è la mostra, ospitata dalla biblioteca comunale, ex sede distaccata del tribunale, delle opere del Maestro Giuseppe De Donatis. Trattasi di dieci quadri in legno di diverso tema, periodo e ispirazione, mai esposte precedentemente, che si configurano come testimonianza viva di una ricerca espressiva inesausta ed ancora curiosa del loro autore e, soprattutto, come affascinanti realizzazioni artistiche di un mestiere di nicchia che, nello specifico, da artigianato assume il valore di pura arte.

I soggetti rappresentati, frutto della fantasia dell’autore e/o ispirati a temi della natura, a brani biblici o di varia umanità, superano la staticità della materia, vivificandosi nella struggente espressione di sentimenti o nell’imbrigliata potenza delle azioni rappresentate: vedasi il branco di cavalli, la rappresentazione della maternità, nella sua più alta e empatica concezione o il volto femminile del quadro “meditazione”.

Ancor oltre il loro valore artistico, le opere esposte conservano in nuce un importante dato culturale, quello di documento storico di un mestiere per l’appunto praticato da pochi appassionati e talentuosi (giova ricordare che il Maestro De Donatis proviene da una famiglia di valenti intagliatori, operante in provincia sin dal 1916, a loro volta discendenti di quel Cristoforo De Donatis di sorana memoria, rinomato architetto svizzero, a cui è intestata una via cittadina); viva e proficua eredità di un recente passato che sarebbe d’uopo far conoscere alle nuove generazioni che, assuefatte al forsennato agire attuale, riscoprirebbero il fascino di un modus operandi alternativo, dal respiro più lungo, in cui l’uomo, agendo sulla nuda materia, riesce ancora ad infonderle vita e sentimento.

Rosaria Bedani

dedo-giuseppe-2 dedo-giuseppe-620-a

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu