4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 663 VOLTE

SORA – Restauro Santuario Madonna delle Grazie: ci siamo. Presto i lavori

Inizieranno il prima possibile i lavori di restauro della Chiesa della Madonna delle Grazie. La notizia è stata diramata dalla apposita commissione che si è riunita il giorno 11 dicembre 2013 alle ore 18:30, presso gli uffici della parrocchia di S. Restituta in Sora. Le risultanze  sono scaturite dalla valutazione delle offerte presentate dalle diverse Imprese interessate e già, in precedenza, tutte ammesse. Il lavoro della Commissione è stato proficuo, attento e obiettivamente valido. I suoi componenti,avv. Raffaele Monaco (Presidente), sig. Alberto La Rocca, ing. Mauro Martini, geom. Renzo Cancelli ed il sig. Gaetano Mattacchione hanno condiviso il metodo della scelta per l’aggiudicazione dell’appalto mediante trattativa privata con offerta al ribasso.  Alla seduta erano anche presenti le cinque imprese partecipanti alla gara ed i membri del Comitato della Madonna delle Grazie, mons. don Bruno Antonellis, don Giovanni De Ciantis ed il sig. Remigio Tomolillo. Il Presidente della Commissione di gara ha provveduto preliminarmente a comunicare ai presenti il criterio adottato per la valutazione delle offerte presentate e cioè: su un punteggio massimo di 100 punti a disposizione della Commissione, sono stati destinati 70 punti all’Impresa che ha offerto il massimo ribasso economico; 10 punti a quella che ha offerto la massima riduzione dei tempi di esecuzione ed infine 20 punti a quella che ha  dimostrato il massimo importo di lavori della stessa tipologia eseguiti nell’ultimo quinquennio. Su tale base l’avv. Raffaele Monaco ha reso nota la graduatoria finale, dichiarando aggiudicataria dell’appalto l’Impresa Nicoletti Loreto. Ora, dopo l’espletamento degli ulteriori adempimenti burocratici, si spera in un pronto avvio del lavori. Con l’impegno di tutti a riprendere con maggiore vigore la raccolta delle offerte e tornare a far rivivere, nel pieno splendore, uno dei luoghi di culto più cari  ai sorani.

Gianni Fabrizio

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu