1’ di lettura

SORA – Skatepark e campi da basket abbandonati, Mosticone (GN): “Un canestro su quattro”

Il Presidente di Gioventù Nazionale Sora: "La città offra più spazi per fare sport".

«A Sora per i giovani è quasi impossibile fare sport. Al fronte di una passione dei ragazzi che non manca, gli spazi della città adibiti a tale attività sono abbandonati all’incuria da tempo. Nel campo “Boario”, frequentatissimo sia da anziani che da giovanissimi, dopo una chiusura durata mesi, manca un canestro, e spesso quando si è presentato questo problema in passato non vi è stato l’aiuto del Comune. Soltanto l’intervento dell’ASD Pallacanestro Sora, che ringraziamo, e dei ragazzi che quotidianamente vi giocano ha risolto il problema.

Paradossalmente però a Sora c’è ancora peggio: il campo “da Basket” sito in via Agnone Maggiore, non può definirsi tale poiché mancano entrambi i canestri e quindi, se almeno al Boario si può giocare a metà campo, lì si può farlo solo con l’immaginazione, e attorno a panchine rotte e rifiuti. Insomma a Sora c’è “un canestro su quattro”, mentre a Isola del Liri vi sono due campi “al completo”. A pochi passi dal Boario, poi, è evidente anche lo stato dello “Skate park” in via Attilio Roccatani. Un progetto partito più di dieci anni fa, frequentatissimo inizialmente, da troppo tempo è in totale abbandono e quindi reso pericoloso e inutilizzabile.

Sora deve avere i suoi spazi per fare sport, come a brevissimo sarà grazie alla riqualificazione di Rione Napoli, in cui sorgeranno impianti sportivi innovativi, ma che rischia di diventare un’ “isola felice” al fronte di un deserto di incuria. Speriamo che chi di dovere ascolti le segnalazioni che in questi giorni vengono riportate anche dai ragazzi, altrimenti non lamentiamoci per il comportamento dei giovani, se la città non offre stimoli per divertimenti sani come l’attività sportiva».

È quanto ha dichiarato Filippo Mosticone, Presidente Gioventù Nazionale Sora.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Notizie del giorno