mercoledì 20 settembre 2017

SORA – Trasferimento punti prelievo: dura nota del Presidente dell’ADO, Vinciguerra

Richiesto un confronto urgente con la Direzione Sanitaria.

«Ancora una volta oggi dalla Direzione Generale invece che un sostegno tanto atteso subiamo un ulteriore depauperamento della forza del nostro Ospedale. Con delibera di ieri il Direttore Sanitario Aziendale Facente Funzione Dott. Eleuterio D’Ambrosio ha disposto il “trasferimento integrale della gestione dei punti di prelievo dell’Ospedale di Sora allocati presso lo stesso Presidio Ospedaliero” al Distretto di Sora e che il personale infermieristico attualmente in servizio presso il Punto Prelievi venga assegnato al Distretto.

Appare assolutamente inspiegabile tale necessità che depaupera l’Ospedale della possibilità di gestire ed organizzare un così importante servizio (16.000 pazienti circa e 160.000 esami negli ultimi sei mesi) e di continuare a disporre del personale infermieristico ad esso dedicato (5 unità). Da sempre abbiamo reclamato un punto prelievi anche per il distretto, ma come servizio che arricchisse il territorio ma non a spese dell’ospedale. Crediamo inoltre che il Distretto abbia già molti problemi annosi che non ha saputo dimostrare di saper risolvere, vedi il disastro delle vaccinazioni, delle liste d’attesa interminabili, dell’assistenza domiciliare praticamente inesistente, delle strutture fatiscenti… come si pensa di voler inglobare il nostro centro prelievi?

Ma qual è poi il disegno per il nostro Ospedale??? Perché le decisioni più becere ci vengono calate dall’alto? Perché dei nostri Primari non si parla più e ci vengono vendute soluzioni temporanee che minano i già nostri precari equilibri? Dove e’ il personale che ci viene promesso con sufficienza? Dove sono le nostre attrezzature? Sono segnali terribili che minano l’Ospedale nei suoi punti di debolezza. E allora perché dovevamo dire si all’Atto Aziendale? Chiediamo un confronto urgente con la Direzione Sanitaria. Il territorio, i malati del nostro territorio meritano una visione più attenta del le loro necessità di salute e di un maggior confronto con le strutture preposte alla loro difesa». È quanto dichiara il Preside ADO (Associazione Dipendenti Ospedalieri), Augusto Vinciguerra.

Commenti

Ordina per:   più recenti | più vecchi | più votati

ma scusate….dove lavora?

bruno la pietra

No, vabbè. Mi taccio.

non facciamoci domande? troviamo risposte ai nostri dubbi. il modo di agire e di fare anche questa è politica. Io mio onesto parere e umiltà direi più impieghi e competenze al massimo delle risorse che si hanno. Conosco veramente tanta gente che vuole davvero lavorare per avere una dignità e che vorrebbe farlo seriamente.non sono fandonie , dico la socializzazione con le persone nella vita reale ti dà la possibilità di valutare gente a dimensione meritocratica che ha voglia di lavorare ma non ne ha la possibilità per ragioni che io non sto a dirle senza “decapitare” nessuno dei governanti… Leggi tutto »

Chi pecora si fa….Il lupo se lo magna.
Turbogas docet

Che schifo

È uno schifo.

wpDiscuz
Menu