1’ di lettura

SORA – Un arresto per spaccio, resistenza, lesioni e minaccia aggravata a pubblico ufficiale

In casa dell'arrestato trovate anche armi. L'operazione, caratterizzata anche da una violenta colluttazione al termine del tentativo di fuga dell'uomo, è stata portata a termine dal Commissariato di Sora e dalla DIGOS di Frosinone.

Nel tardo pomeriggio di ieri a Pescosolido, è stato arrestato un cittadino italiano del posto trovato in possesso di sostanza stupefacente. Durante la perquisizione ha aggredito gli agenti che hanno trovato anche armi e munizioni in una rimessa di legname adiacente all’abitazione.

Gli operatori del Commissariato di Sora – si legge nella nota stampa diffusa dalla Questura di Frosinone – a seguito di un’articolata attività investigativa, che ha avuto origine dal mancato arresto di un veicolo all’alt intimato ad un posto di controllo alcuni mesi addietro, nel tardo pomeriggio di ieri si sono portati in località Pescosolido, presso l’abitazione di un quarantasettenne, già noto per reati di spaccio. L’uomo alla vista degli investigatori ha tentato di darsi alla fuga nella vicina boscaglia, ma è stato inseguito e, dopo una violenta colluttazione, è stato bloccato da due agenti che sono rimasti feriti. Gli stessi sono stati sottoposti alle cure dei sanitari dell’Ospedale SS. Trinità di Sora.

La perquisizione, operata con l’ausilio di personale della D.I.G.O.S. della Questura di Frosinone e di una unità cinofila della Polizia di Stato, ha consentito di rinvenire e sequestrare 84 grammi di cocaina, 170 grammi di marijuana e 120 grammi di sostanza da taglio. In una rimessa adiacente all’abitazione, ben occultate, sono state trovate anche armi e munizioni, in particolare un fucile mitragliatore calibro 9 modello mp41 da guerra, tre caricatori e 61 cartucce calibro 9 “parabellum” dello stesso fucile, un silenziatore costruito artigianalmente per arma da fuoco, un fucile ad aria compressa con relativo munizionamento, un barattolo contenente della sostanza sul quale era apposta la dicitura “glicerolo”, un giubbotto antiproiettile, due archi ed una balestra, un machete e due coltelli di grandi dimensioni, un rilevatore di frequenze radio, due apparati GPS e due visori notturni.

Il quarantasettenne è stato tratto in arresto per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, resistenza lesioni e minaccia aggravata a pubblico ufficiale e condotto presso la Casa Circondariale di Cassino a disposizione dell’A.G. Le armi sono state sequestrate e verranno sottoposte ad accertamenti per la loro classificazione e per stabilire la loro provenienza.

Bando di concorso in Banca d'Italia: requisiti, prove e come partecipare

Banca d'Italia seleziona 30 laureati in ingegneria e statistica per assunzioni a tempo indeterminato. Candidature online entro il 27 ottobre.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...