1’ di lettura

SCUOLA

Sora / Vicalvi – l’IC 3 al Festival dello Sviluppo Sostenibile

Il 19 e 23 ottobre a Vicalvi, presso il convento di San Francesco si è tenuta la sesta edizione del Festival dello sviluppo sostenibile. L’evento aveva come fine la sensibilizzazione delle giovani generazioni ad una cultura della sostenibilità, tema al centro dell’attenzione pubblica, soprattutto di questi tempi, attraverso la partecipazione delle istituzioni scolastiche al concorso “SORELLA TERRA”.

La Scuola Secondaria di Primo grado “Edoardo Facchini” dell’I.C3 di Sora, rappresentata da alunni di diverse classi, ha accolto con entusiasmo l’invito alla realizzazione di elaborati vari: opere artistiche, poesie e disegni aventi come oggetto la salvaguardia della Terra e dell’ambiente, con particolare riferimento al proprio territorio.

La partecipazione al concorso ha rappresentato un’ulteriore occasione per approfondire i temi di uno dei nuclei concettuali fondanti dell’insegnamento della disciplina di Ed.Civica, lo SVILUPPO SOSTENIBILE, l’educazione ambientale, la conoscenza e tutela del patrimonio e del territorio i cui “obiettivi non riguardano solo la salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali, ma anche la costruzione di ambienti di vita, di città, la scelta di modi di vivere inclusivi e rispettosi dei diritti fondamentali delle persone, primi fra tutti la salute, il benessere psicofisico, la sicurezza alimentare, l’uguaglianza tra soggetti, il lavoro dignitoso, un’istruzione di qualità, la tutela dei patrimoni materiali e immateriali delle comunità”(Linee guida per l’insegnamento di educazione civica).

L’opportunità di approfondire talune tematiche civiche particolari, ben colta dai docenti che hanno seguito gli alunni nella realizzazione degli elaborati, continuerà, nel corso dell’anno, anche attraverso l’adesione ad altre iniziative, come l’adozione gratuita di kit didattici forniti da Libri Progetti Educativi – Giunti editore (ente accreditato dal MIUR), relativi all’ambiente (Idea plastica per pulire il futuro), all’inclusività (Più unici che rari) e all’interculturalità (Tutti a tavola: confronto fra culture).