4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 242 VOLTE

SPIGOLATURE N. 7 (di Rodolfo Damiani)

Stiano tranquilli i miei quattro indulgenti lettori, non sospendo per le ferie l’interessante colloquio che si sta sviluppando con quanti mi scrivono sugli argomenti più diversi. Cerco di chiarire a tutti il mio pensiero anche se non mi ritengo un TUTTOLOGO con le verità rivelate,accetto il contraddittorio e se sbaglio non mi adonto a riconoscerlo.

I VALORI – Ho provato a chiedere in giro, soprattutto fra i giovani , cosa significava per loro il sacrificio del Carabiniere La Rocca. Su 26 persone di cui 11 ragazze , 8 ragazzi e 7 adulti ho avuto:

  • Risposta corretta 4 ragazze 3 ragazzi 2 adulti
  • Risposta generica 3 ragazze 2 ragazzi 1 adulto
  • Risposta dubbiosa e imprecisa 3 ragazze 3 ragazzi e 4 adulti

Non voglio fare commenti ma alla vigilia dei 70 anni dal martirio dei tre Carabinieri di Fiesole credo sia doveroso offrire alla cittadinanza una informazione storico –politica corretta perché è sulla storia che si fonda il futuro di un popolo. Sarebbe il caso, se non fossi stato male informato, che venisse intestato all’eroe una via importante, non qualche vicolo nascosto, o un plesso scolastico o un impianto di interesse pubblico. Una volta nella piccola Italia di grande civiltà si agiva così.

L’UNIVERSITA’ – Cerco sempre di dialogare con i giovani. Tina, Emy, Giusy, Lillo,Fabio , in una pausa dello studio in biblioteca mi hanno a lungo parlato della crisi dell’Università e della delusione degli studenti chiedendo un mio pensiero in proposito. Prima considerazione in 10 anni di riforme e contro gli iscritti non sono aumentati, malgrado il tentativo di portare succursali dovunque, malgrado l’introduzione di Lauree , che fanno pensare sulla loro validità,malgrado l’equiparazione di esperienze di lavoro a percorsi di studio, la media dei laureati italiani è la metà rispetto alla UE. Riforme cervellotiche hanno smantellato la credibilità dell’istituzione e la qualità dell’offerta.Clientelismo, baronie,cattedre ereditarie, i meritevoli in fuga è il quadro di una prossima implusione. A questo aggiungiamo i tagli dei bilanci, il progressivo impoverimento delle classi medie e la prospettiva della disoccupazione intellettuale. In un convegno di Alma Laurea ( 64 atenei consorziati) si è affermato che il valore della laurea non è capito dalla classe dirigente. La stragrande maggioranza degli imprenditori non è laureato e ritiene che i laureati non servono, per cui le aziende non riescono a seguire le innovazioni tecnologiche e nel tempo diventano marginali. Ricordo gli applausi dei giovani imprenditori ad un presidente del consiglio che disse che i laureati avevano un posto alla catena di montaggio. Da qui manca anche il sostegno per l’aiuto ai meritevoli meno abbienti e per l’inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro, evitando le aberrazioni alla Biagi. Andate a vedere le legislazioni di sostegno in Germania e in Industan ( sapete quel paese tanto povero dove noi andiamo come missionari caritatevoli). Solo il 29% dei diplomati tenta l’università, con abbandoni di oltre il 60% dei meno abbienti e alcune facoltà sembra che ci si iscriva per eredità famigliare. Qualche maligno diceva che i test di ingresso sono classisti. Ridiamo dignità allo studio , a chi studia e a chi avendo studiato vuole entrare nel mondo del lavoro

LA TRASPARENZA – Finita la stagione dei bugiardini, sapete i programmi elettorali, i Partiti hanno messo in attesa quello che era l’imperativo categorico: Ripulire i partiti. Siamo in attesa della riduzione dei privilegi, del ripristino del falso in bilancio,sottoporre a regole chiare i finanziamenti ai partiti, disciplinare le lobby, l’emanazione dei regolamenti attuativi anticorruzione, in pratica fare come dice l’art. 49 della Costituzione. Dimenticavo, le leggi, soprattutto quelle penali debbono valere per tutti, altrimenti non siamo più in uno stato di diritto, ma in uno stato in cui ci sono quelli più uguali degli altri.

Comunque state saldi

NO PASERAN
NON PRAEVALEBUNT

Demofilo al secolo Rodolfo Damiani

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu