“Stato di salute del Liri”, Serena Petricca attacca: «La salute deve essere tutelata»

Secondo la consigliera comunale non c'è chiarezza sulle condizioni del corso d'acqua.

«Nonostante le copiose manifestazioni di interesse da parte di tutta la cittadinanza oltre che dalle diverse fazioni politiche, che pongono scrupolosa attenzione sulle sorti alle quali è stata abbandonata la città di Sora dall’attuale amministrazione in carica, non è stato ancora possibile determinare l’effettivo stato di salute del fiume Liri.

Il sindaco Roberto De Donatis da più di un mese, precisamente dal 4 agosto scorso, insieme alla Procura che sta attualmente indagando sul caso, è in possesso di informazioni precise eppure non fa nulla: i parametri chimici rilevati sui campioni di acqua fluviale, stando a quanto ha lui stesso dichiarato solo il 28 agosto, non sono affatto a norma con la vigente legislazione e, nonostante fosse al corrente di tutto, il primo cittadino di Sora ha taciuto. Alluminio, Ferro e Manganese: è lui stesso a rendere pubbliche le sostanze responsabili della catastrofe naturale di cui siamo stati e continuiamo ad essere inerti spettatori. Nonostante ciò, da quel fatidico 4 agosto, si attende ancora prima di rendere pubblico l’esito completo delle analisi sul fiume malato.

Ritengo vergognoso e deplorevole il modus operandi di questa amministrazione, che si è macchiata così di totale assenza di trasparenza e indifferenza nei confronti dell’intera popolazione. Dopo tutti questi misteriosi accadimenti, analisi segretate e poi parzialmente rivelate, non è forse lecito pensare che ci sia molto di più di quanto non sia stato detto finora? La nostra città merita risposte e azioni concrete, subito. Per questo motivo auspico che il sindaco, quale responsabile della salute pubblica e dell’incolumità dei propri cittadini, ordini alla Conca l’immediata interruzione del flusso delle acque per l’irrigazione dei campi, ovvero ordini l’utilizzo di depuratori.

La salute deve essere tutelata sopra ogni cosa, prima ancora dell’individuazione delle eventuali responsabilità. Troppi danni sono stati ad oggi arrecati agli agricoltori, che ogni anno versano nelle casse della Conca notevoli somme per dei servizi alla luce dei fatti trascorsi inadeguati, ma occorre equilibrare i loro interessi con quello supremo alla salute». È quanto dichiara, attraverso una nota emessa dal suo Ufficio Stampa, la consigliera comunale Avv. Serena Petricca.

CRONACA

Sora, 1983: il messaggio del compianto Vescovo Chiarinelli ai giovani, ancora attualissimo dopo ben 37 anni

Vescovo di Sora fino al 1993, ci ha lasciato ieri all'età di 85 anni.