4 mesi fa redazione@sora24.it
LETTO 863 VOLTE

Strada Pescosolido-Campo di Grano, Cioffi giura: «In alcun modo si sta attaccando la natura»

A seguito delle polemiche scaturite dal progetto che prevede la realizzazione di una nuova strada montana, il Sindaco di Pescosolido ha ritenuto opportuno diffondere alcune precisazioni.

Il Sindaco di Pescosolido, Giuseppe Cioffi, con apposita nota stampa, ha espresso il suo punto di vista sulla vicenda del contestato progetto che prevederebbe la realizzazione di una strada montana per collegare il paese alla località Campo di Grano.

Tutti gli interventi sulle zone montane – ha spiegato il primo cittadino – sono e saranno sempre improntate alla tutela ed alla salvaguardia di 971 animali con fida pascolo, appartenenti a ben 17 aziende agricole con sede in Pescosolido e a tutti quei capi di bestiame che, abitualmente, visto anche il periodo di alpeggio, gravitano in vicinanza dei pozzi, oramai prosciugati in località Campo di Grano, nonche alla fauna selvatica, ovvero Orsi, Lupi, Caprioli e Volatili, che, come ben sanno le associazioni naturalistiche, si abbeverano in alta quota, ed anche loro, così come accertato, stanno soffrendo tale mancanza d’acqua, come confermato dalle relazioni del Ministero dell’Ambiente e dell’Ente Parco.

Il tutto – ha continuato Cioffi – si va a coniugare con lo stato di emergenza idrica e rischio incendi che sta investendo l’intera penisola. A tal riguardo, tutte le zone a rischio, compreso il Comune di Pescosolido, sono state oggetto di monitoraggio. Grazie al contributo dell’Assessore Regionale Mauro Buschini si è aperto un tavolo tecnico in regione, vista la complessità dell’area, al quale tutti gli attori presenti stanno dando il loro contributo, non ultimi i membri del PATOM (Piano d’Azione per la tutela dell’Orso marsicano).

Tutto ciò – ha evidenziato il sindaco – al fine di giungere a una risoluzione definitiva, stanchi di interventi approssimativi e temporanei, che altro non provocano che ulteriori alterazioni a queste specie ed anche per poi non ritrovarsi a piangere per non aver preventivamente mitigati i rischi, di cui oggi solo si parla.

Tra le ipotesi alle quali si sta lavorando, una è quella della sistemazione di strade comunali presenti e tracciate che hanno già permesso il loro utilizzo per il rimboschimento delle zone negli anni ì90. Di certo non si tratta di uno stravolgimento dello stato dei luoghi, ma solo un semplice tracciato di servizio a tutela e non a distruzione, anzi, con l’intento preciso di preservare capi e specie che potrebbero nel tempo scomparire, ed utilizzabile solo con precise regole.

Pertanto – ha concluso Cioffi – in alcun modo si sta attaccando la natura, anzi la si sta cercando di salvare in maniera oculata e non invasiva.

COMMENTA

Commenti

Ordina per:   più recenti | più vecchi | più votati

Ma la curva di via Morrone per andare a casa della signora Alessandra, quando si sistema?

È evidente, dalla nota del Sindaco, che egli stesso NON CONOSCE il territorio del proprio comune. Nella Val San Pietro, non vi è alcuna strada che collega la zona dei “prati di Pescosolido” con quella in quota di Campo di Grano. Non c’è ora e non c’è mai stata neanche negli anni ’90! L’unica traccia si ferma molto prima dell’imbocco vero e proprio della Valle sopra citata.

Sabrina Urbano

A mio parere….sembra che si voglia urbanizzare Campo di Grano…iniziando a sfregiare il territorio con questa ipotetica strada. Il bestiame che resta senz’acqua x due mesi l’anno…a me pare solo una scusa bella e buona!

Antonio Lecce

Se il problema fosse il bestiame, com mezza giornata si potrebbe portare a valle! Evidentemente la scusa è il bestiame.

Una volta si usavano I muli…oggi ci sono altre soluzioni. Io sistemerei le cisterne gia’ presenti ed eviterei altre opzioni

Antonio Lecce

NON esiste alcuna strada che arriva a campo di grano, caro sindaco Cioffi

stefano orlandini

Il Sindaco si arrampica sugli specchi …NON esistono strade carrabili in quella zona.

Il rimboschimento degli anni 90. Che diciamocela tutta: “è stata una gran presa per il culo.” Quali strade sono state usate? Io sono originario del posto, non esistono strade carrozzabili. Solo sentieri.

Frequento spesso la zona, ma non mi è mai parso di vedere nemmeno UN CENTIMETRO di sentiero che somigliasse VAGAMENTE a una vecchia strada carrabile. Invito chiunque frequenti più di me la zona a indicarmi quale sia/siano questi tratti carrabili da ripristinare!!!!!!!!!!!! Ricordo che con il termine “strade comunali” esistenti non si intende necessariamente strade atte a consentire il passaggio di veicoli a 4 ruote. A ben guardare, però, questa STRADA COMUNALE dovrebbe consentire il passaggio di veicoli ben più grandi di autovetture poiché devono trasportare acqua (non un secchio di poche decine di litri). La motivazione addotta mi pare… Leggi tutto »
wpDiscuz
Menu