3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 4.138 VOLTE

Supponiamo che il bimbo in codice rosso e prognosi riservata sia di Sora…

Le ipotesi da formulare sono due: la seconda è assolutamente da evitare, costi quel che costi.

Come abbiamo avuto modo di leggere oggi su “Il Quotidiano Ciociaria”, nell’articolo a firma di Giovanni Stravato (abbiamo riportato una sintesi dei fatti su Frosinone24, clicca qui per leggere), ieri un bambino di due anni è caduto in una fontana ad Amaseno. Trasportato di corsa all’ospedale “Spaziani” di Frosinone, è stato ricoverato nel reparto di Pediatria, dove ora si trova in prognosi riservata. Fortunatamente il piccolo se la caverà senza particolari conseguenze causate dall’acqua ingurgitata, che gli ha fatto perdere conoscenza.

Supponiamo ora che un fatto del genere accada a Sora (o nei comuni limitrofi), magari nella fontana del Parco S.Chiara. I casi da ipotizzare sono due:

  1. l’Ospedale SS.Trinità di Sora è dotato di reparto Pediatria;
  2. l’Ospedale SS.Trinità non è più dotato del reparto di Pediatria, perché i politici locali hanno permesso nel tempo il depauperamento progressivo del patrimonio umano operante nell’intera struttura, rimasta con i soli reparti di Oncologia e Lungodegenza.

Nel  caso 1 il piccolo arriva in ospedale pochi minuti dopo l’incidente e viene ricoverato. Nel caso 2, invece, deve essere trasportato a Frosinone o Cassino, magari dopo esser stato in Pronto Soccorso a Sora. Conclusione: avere l’ospedale è un privilegio, perderlo un crimine. A buon intenditor poche parole. Pediatria Sora ha bisogno di rinforzi URGENTI, la Asl mantenga quanto ha promesso il 01 Aprile (leggi l’articolo).

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu