3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 2.550 VOLTE

Tersigni replica a Di Stefano: «Riavvolgi nella mente il film della tua vita politica»

Questa la replica del Sindaco Ernesto Tersigni alle dichiarazioni odierne di Enzo Di Stefano (clicca qui per leggerle): «All’ex sindaco Enzo Di Stefano, che scrive preoccupato per il deprimente spettacolo dell’ultimo Consiglio comunale, causato in primis da una raffazzonata minoranza che rema fortemente contro la città, replico semplicemente di riavvolgere nella mente il film della sua vita politica.

Ripercorrendola, probabilmente, non avrà difficoltà a ricordare numerose occasioni in cui ha dovuto affrontare ben più deprimenti spettacoli per sé e per Sora. L’eredità da lui lasciata a questa città è costituita da grandi opere incompiute, inutili e ricche di problematiche.

Forse, in quanto beneficiario di una lauta pensione da ex consigliere regionale, non si è accorto che la vita è diventata difficile per la gente comune. L’Italia si trova in una situazione tra le peggiori dal periodo post bellico, i Comuni non ricevono i dovuti contributi dallo Stato centrale, le Regioni hanno deficit da capogiro e i cittadini, oltre a doversi confrontare con carenti opportunità lavorative, si trovano comunque a dover pagare i tanti ed insostenibili balzelli che le amministrazioni, loro malgrado, sono costrette ad applicare.

Lo sciacallaggio politico, tanto di moda, soprattutto in questa città, non rappresenta la panacea di tutti i mali, tantomeno la politica degli annunci può essere presa come modello da perseguire. E Di Stefano è uno specialista anche in questo. Basti ricordare la sua sciagurata esperienza come presidente dell’Ater di Frosinone (forse preferita perché lautamente retribuita ad un posto in Consiglio comunale) con annunci sbandierati ai quattro venti della costruzione di un nuovo ponte in località Pontrinio, di una nuova caserma della Guardia di Finanza e di nuovi alloggi popolari in zona San Giuliano. Niente di tutto questo è avvenuto, né avverrà mai. Fortunatamente è stato mandato via, altrimenti, Sora sarebbe diventata una metropoli virtuale.

Contrariamente a quanto dichiarato dall’ex Sindaco Enzo Di Stefano, questa Amministrazione sta lavorando alacremente con fatti ed opere reali e tanto di più avrebbe potuto fare con una minoranza consiliare matura, interessata ai reali problemi dei cittadini e responsabile nelle decisioni. Continueremo ad occuparci dei problemi della gente stando a stretto contatto con i cittadini, con la convinzione che, sicuramente, sapranno capire che i disagi, le difficoltà e i sacrifici del momento non sono solo della città di Sora ma di un’intera nazione che sta pagando le nefandezze della politica del passato. Ciò, con la speranza che si possa ritrovare, tutti insieme e con i nostri sacrifici, una rinascita che dia fiducia in modo particolare ai giovani.

Ogni tipo di speculazione politica è da condannare e da condannare dovrebbe essere, ancora di più, chi la pratica».

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu