mercoledì 17 giugno 2015

Trasferimento cardiologo da Sora a Pontecorvo: protesta dei 5 Stelle sorani

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma di Valeria Di Folco, portavoce del Meetup Amici del Movimento 5 Stelle di Sora.

«Egr. Dott. Cirillo, con lettere del 14 marzo (clicca qui) e del 21 aprile u.s. (clicca qui) gli attivisti del Meetup “Amici del MoVimento 5 Stelle Sora” segnalarono i problemi concernenti il reparto di cardiologia dell’ospedale di Sora, ove solo tre medici sono abilitati ai turni di guardia e soltanto due possono effettuare la reperibilità pomeridiana, notturna e festiva per il trasporto dei pazienti colpiti da infarto a Frosinone per l’angioplastica primaria urgente.

Con le medesime lettere venne richiesto di voler procedere ad attivare l’iter per l’assunzione urgente in deroga di un medico cardiologo. Era stato fatto presente, altresì, che il Reparto di Cardiologia non può più procedere nelle condizioni descritte, la situazione richiede misure immediate non più procrastinabili per evitarne la chiusura e poter fornire i livelli minimi essenziali di assistenza. Inoltre, con l’approssimarsi della stagione estiva, in considerazione che parte del personale andrà in ferie (ci andrà?) le criticità del reparto non potranno che aumentare così come il rischio della chiusura. Perché non si è tenuto nella dovuta considerazione quanto segnalato?

Nonostante il grido d’allarme la Dirigenza dell’A.S.L. ha deciso di trasferire un cardiologo dall’ospedale di Sora (neanche fossero in sovrannumero!) alla Casa della Salute di Pontecorvo! Sarebbe opportuno e doveroso da parte della dirigenza chiarire quali motivi hanno comportato una scelta così scellerata.

Premesso quanto sopra, si chiede che il trasferimento del medico venga immediatamente bloccato e si ribadisce, ancora una volta, la richiesta di voler provvedere all’assunzione in deroga di un cardiologo per il “Ss. Trinità”. Nel caso in cui il trasferimento comporti inefficienze, disagi, mancato rispetto dei L.E.A. ovvero la chiusura del Reparto verrà presentato un esposto alla Procura della Repubblica.

Si rinnova, altresì, la richiesta – già formulata in passato – di dimissioni immediate ed irrevocabili dell’attuale Direttore Generale dell’A.S.L., che non può sottrarsi dalla responsabilità di mettere a repentaglio un intero Reparto con il trasferimento di una sola persona. L’Ospedale “Ss. Trinità” e la città di Sora ricevono un trattamento che non meritano e gli attivisti del Meetup lotteranno con tutte le loro forze per scongiurare depotenziamenti e chiusure».

Commenti

wpDiscuz
Menu